IL NOME DELLA ROSA/ Anticipazioni seconda puntata 11 marzo: la morte di Venanzio

- Bruno Zampetti

Il nome della rosa, la serie tv su Rai 1, anticipazioni della seconda puntata in onda l’11 marzo 2019 e alcune considerazioni sulla prima

il nome della rosa foto
Il nome della rosa

IL NOME DELLA ROSA, IL DEBUTTO DELLA SERIE

La seconda puntata della serie Il nome della rosa andrà in onda lunedì prossimo, 11 marzo, su Rai 1. Prima di qualche anticipazioni val la pena fare alcune considerazioni sull’esordio di questa attesa serie tv. Non sono stati pochi i cambiamenti rispetto al romanzo di Umberto Eco, soprattutto per quel che riguarda il personaggio di Adso. Il ritmo è stato poi piuttosto lento, forse anche per la necessità di far conoscere alcuni personaggi su cui è probabile che si tornerà a concentrare l’attenzione nelle prossime puntate, come la ragazza occitana piuttosto che Anna, figlia di Dolcino e Margherita, a cui Remigio sembra essere legato. Sarà interessante scoprire quanti telespettatori hanno guardato la prima puntata de Il nome della rosa, anche perché per il momento guardandola non sembra venir voglia di prendere in mano il romanzo a cui si ispira.

LE ANTICIPAZIONI DELLA SECONDA PUNTATA

Vedremo se la seconda puntata vedrà un cambio di registro, specialmente con l’arrivo di Bernardo Gui all’abbazia, dove tra l’altro è atteso per una disputa che lo vedrà opporsi proprio a Gugliemo: i due si ritroveranno quindi dopo diverso tempo e su posizioni ancora una volta opposte. Ovviamente, come tutti possono immaginare, Adso è stato drogato dopo essersi perso nella biblioteca, ma non gli è successo nulla di particolare. Il giovane incontrerà ancora una volta la ragazza occitana nel bosco e sembra essere molto attratto da lei. Intanto viene ritrovato un altro cadavere nell’abbazia. Si tratta di quello di Berengario. Guglielmo dovrà quindi cercare di fare luce anche su questa morte. Tra l’altro anche questo monaco ha macchie nere sulle dita e sulla lingua come quelle trovate sul corpo di Venanzio.



© RIPRODUZIONE RISERVATA