Taylor Mega a Pomeriggio 5 / “Credono tu faccia marchette!”: piovono accuse in studio

- Anna Montesano

Taylor Mega criticata a Pomeriggio 5. Patrizia Groppelli e gli ospiti di Barbara d’Urso la bacchettano: “Credono tu faccia marchette!”  

taylor mega barbara durso screen pomeriggio5
Taylor Mega a Pomeriggio 5

Nella nuova puntata di Pomeriggio 5 si parla di ricchezza e di povertà e tra gli ospiti di Barbara d’Urso non poteva mancare Taylor Mega, ormai ben nota per la sua dichiarazione “Mi serve un milione di euro al mese per vivere bene”. Parole che le hanno causato molte critiche che continuano proprio nella puntata in onda oggi a Pomeriggio 5. “In Italia la ricchezza viene molto demonizzata. Se uno non ruba e si crea la propria ricchezza non capisco che male c’è” ammette l’influencer. Eppure da Patrizia Groppelli, a Monica Setta sino a Salvo Veneziano, tutti criticano il suo comportamento. È proprio l’ex gieffino a dichiarare, riferendosi alla Mega: “In tanti anni non ho mai visto un’ospite rifiutare di andare in cabina rossa perché dice che è da poveracci”. Ma lo scontro più acceso nasce proprio con la Groppelli.

TUTTI CONTRO TAYLOR MEGA

L’opinionista di Barbara d’Urso si rivolge a Taylor Mega e dichiara: “Io ho letto che molti credono che tu facessi ‘marchette’. – e ancora – Tu hai la bellezza dell’asino, tra qualche anno cade tutto giù. Collegati col tuo cervello”. La Mega non ci sta e replica: “Oggi è la festa delle donne e tu hai detto una cosa completamente sbagliata.” È poi Monica Setta a chiederle se influencer marketing ci è arrivata grazia a studi o una laura o si è improvvisata tale. Taylor spiega: “La laurea è molto utile ma non sono laureata. Ci sono imprenditori che hanno guadagnato milioni che non hanno la laurea. È la meritocrazia che fa la persona. L’influencer marketing esiste da sempre”. Ma è Barbara d’Urso a chiudere il cerchio con una dichiarazione che non trova proprio in accordo Taylor Mega: “Diciamo che Taylor si è improvvisata in questo mestiere. Lavora grazie alla sua bellezza”. (Clicca qui per il video)



© RIPRODUZIONE RISERVATA