L’AQUILA GRANDI SPERANZE FICTION/ Anticipazioni e news seconda puntata 23 aprile 2019

- Bruno Zampetti

La fiction di Rai 1 L’Aquila – Grandi speranze torna martedì 23 aprile 2019. Le anticipazioni puntano molto su Davide e le ricerche di sua madre Silvia

"L'Aquila: Grandi Speranze" su Rai 1
"L'Aquila: Grandi Speranze" su Rai 1

L’AQUILA GRANDI SPERANZE, ANTICIPAZIONI 23 APRILE

La fiction di Rai 1 L’Aquila – Grandi speranze torna martedì 23 aprile 2019 con la seconda puntata. Le prime anticipazioni ci spiegano subito chi è il ragazzo che ha puntato la pistola contro Davide alla fine del primo appuntamento. Si tratta di Laurent, un delinquente francese che ha deciso di nascondersi nella vecchia casa abbandonata dei Basile. Stringerà un patto con Davide. Sarà comunque interessante scoprire quanti telespettatori hanno seguito l’esordio di questa fiction che affronta un tema importante, ripercorrendo anche quella che per un’intera città, e per molte altre visto che il sisma del 2009 è stato esteso e che poi ci sono stati altri terremoti significativi nel Centro Italia, rappresenta una ferita ancora aperta, visto che la ricostruzione è lunga.

LE STORIE DEI PROTAGONISTI GIOVANI DI L’AQUILA GRANDI SPERANZE

La fiction sembra poi volersi proporre anche a un pubblico giovane, visto che ci sono dei protagonisti adolescenti. Le anticipazioni sulla prossima puntata dicono che Davide cercherà di sostenere Paolo, il ragazzo che ha tradito il suo gruppo, mentre Margherita soffrirà la relazione del padre con la sua nuova compagna. De Angelis, tra l’altro, avrà un nuovo incontro con Gianni. Silvia, invece, sembra molto determinata a trovare qualche traccia della figlia, dopo che di fatto le ricerche da parte delle autorità sono terminate. Il video che è riuscita a trovare è per lei un indizio importante e le servirà per rintracciare le persone che nella notte del terremoto hanno visto Costanza: potrebbero aver visto qualcosa di importante. Franco cercherà di stare vicino al figlio, anche se momentaneamente non vivono più sotto lo stesso tetto.



© RIPRODUZIONE RISERVATA