Paola Caruso, chi è padre biologico?/ Ex calciatore Catanzaro: sui social le ipotesi

- Silvana Palazzo

Chi è il padre biologico di Paola Caruso? La presunta vera madre ha raccontato di aver avuto un flirt con un ex calciatore del Catanzaro, e sui social spuntano due ipotesi

Il Sussidiario.net
Paola Caruso a Live - Non è la d'Urso
Pubblicità

Chi è il padre biologico di Paola Caruso? Sono tante le domande che l’ex Bonas di Avanti un altro si sta facendo nelle ultime settimane in merito alle sue origini. Grazie a “Live – Non è la d’Urso” oggi scoprirà se la signora Imma è davvero la madre biologica. E questo potrebbe aprire nuovi scenari, perché per la showgirl sarebbe allora facile scoprire chi è il papà biologico. In tal caso, infatti, sarà la stessa Imma a rivelarle chi è l’uomo con cui l’ha concepita. Finora non ha svelato l’identità del presunto padre biologico di Paola Caruso, ma ha raccontato di avere avuto una storia breve con un calciatore del Catanzaro durante la stagione 1984/1985. Quella fu un’annata strepitosa per il club calabrese: raggiunse infatti la promozione in Serie B. Viene ancora ricordata come una grande squadra, che però l’anno dopo fu smantellata. L’anno dopo infatti molti calciatori andarono via e il Catanzaro retrocesse. Le ipotesi dunque sono tante, motivo per il quale l’indizio della stagione non è sufficiente per ricostruire l’identità dell’uomo che potrebbe essere il padre di Paola Caruso. Del resto serve prima la conferma che Imma sia la vera madre.

Pubblicità

IL PADRE PAOLA CARUSO, SUI SOCIAL DUE IPOTESI

Tante emozioni comunque per Paola Caruso: grazie a Barbara d’Urso potrebbe scoprire chi sono i suoi genitori biologici. Oggi saprà innanzitutto se la signora Imma è davvero sua madre, poi potrebbe cominciare la “caccia” al padre. Il mistero si è infittito. «Quando sono rimasta incinta nel 1984 è andato via dalla città», ha raccontato in merito all’uomo con cui avrebbe concepito l’ex Bonas di Avanti un altro. Inevitabilmente su Internet è partita la ricerca del nome del calciatore, subito circoscritta a due calciatori dell’epoca che hanno militato nel club calabrese nella stagione indicata. La prima ipotesi, lanciata da Bitchyf.it, tira in ballo Giorgio Boscolo da Chioggia, centrocampista che nella sua carriera ha vestito anche le maglie di Genoa, Modena e Avvellino. Effettivamente si nota una certa somiglianza con Paola Caruso, se ci si concentra su naso, bocca e mento della showgirl prima che ricorresse alla chirurgia estetica. L’altra ipotesi porta al milanese Angelo Conca. In questo caso si nota una somiglianza con gli occhi e qualche tratto del viso.

Pubblicità

EX CALCIATORE CATANZARO, E ALLORA…

Ma le somiglianze non sono elementi sufficienti per sbilanciarsi. Infatti SuperGuidaTv si limita a stilare una lista di nomi di calciatori che sono stati protagonisti con la maglia del Catanzaro nella stagione sopracitata e che l’anno dopo hanno lasciato la città calabrese. Ecco, questa è sicuramente una base di partenza importante. E allora passiamo alla lista… C’è Antonio Sassarini, difensore classe ’59 trasferitosi a Taranto nel 1986. Flavio Destro, difensore classe ’62, attuale allenatore della Fermana e padre del famoso Mattia Destro, attaccante del Bologna. Massimo Bianchi, portiere classe ’56 passato a Campobasso l’anno dopo. Giuseppe Lorenzo, bomber del Catanzaro, invece si è trasferito alla Sampdoria nel 1986. Tra le ipotesi citate dal sito anche il fratello maggiore di Massimo Mauro, Gregorio, centrocampista classe ’57. Ci sono poi Massimo Pedrazzini, calciatore classe ’58 trasferitosi l’anno dopo alla Salernitana, e Salvatore Pesce, centrocampista classe ’61 trasferitosi al Taranto nel 1986. Da notare infine, anche Giovanni Cervone, classe ’62, e che ha militato nella compagine calabrese proprio solo l’anno fatidico. L’ex Roma è uno dei possibili indicati dalla donna che ha parlato di un giocatore “famoso”. Ma solo la signora Imma, se il risultato del test del DNA confermerà che è la madre biologica, potrà aiutare Paola Caruso nella ricerca del padre.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità