CRISTIANO MILITELLO/ “Striscia mi ha regalato l’affetto del pubblico” (Verissimo)

- Raffaele Graziano Flore

Cristiano Militello ospite a Verissimo: video, al comico toscano di Striscia la Notizia è stata di recente dedicata una figurina personalizzata da parte della Panini

Cristiano Militello, inviato di Striscia la Notizia
Cristiano Militello, inviato di Striscia la Notizia (Mediaset, 2019)

Per la prima volta, ai microfoni di Verissimo, si racconta Cristiano Militello, il simpatico inviato di Striscia la Notizia. Sin da giovanissimo sfoggia il suo talento nel far ridere la gente e il suo sogno era diventare come Raimondo Vianello. Dopo una lunga gavetta, Cristiano Militello conquista il successo partecipando al programma “Vernice Fresca”. Il vero successo, però, arriva quando conquista la fiducia di Antonio Ricci che, dopo averlo rimbazato per ben due volte, lo ha vouto a Striscia la Notizia con i suoi striscioni calcistici. “Striscia mi ha dato la sensazione di essere benvoluto dal pubblico, il vero affetto”, racconta Cristiano Militello che, dopo aver iniziato la sua carriera a teatro con Gigi Proietti si sta finalmente godendo il successo frutto di una carriera lunga trent’anni (aggiornamento di Stella Dibenedetto).

CRISTIANO MILITELLO E IL SUCCESSO A STRISCIA LA NOTIZIA

Cristiano Militello ospite a Verissimo: sarà il 50enne comico, nonché “esperto” di striscioni calcistici e inviato del programma Striscia la Notizia uno dei protagonisti dell’appuntamento odierno del rotocalco del sabato condotto da Silvia Toffanin a partire dalle ore 16.10. E nella chiacchierata con la padrona di casa il comico e giornalista originario di Pisa parlerà probabilmente non solo del libro pubblicato alla fine del 2018 e per il quale è in tour, presentandolo in tutta Italia, ma anche de curioso riconoscimento che ha ricevuto a Gubbio da parte di una associazione locale e dell’iniziativa da parte della Panini che l’ha riguardato personalmente. A proposito di “Cartelli d’Italia”, il volume di 376 pagine edito da Baldini e Castoldi nella collana Le Boe, come recita lo stesso sottotitolo si tratta di una sorta di presa in giro in 1000 cartelli e che fa il paio con l’umorismo che da sempre Militello fa sugli striscioni che compaiono nelle curve calcistiche italiane. “Essendo stato concepito in cooperativa con migliaia di segnalatori” ha raccontato Militello, “ho deciso di devolvere i proventi della vendita alla Fondazione TOG”.

IL CURIOSO PREMIO RICEVUTO A GUBBIO

Tuttavia, nell’ospitata in quel del salotto televisivo di Verissimo, Cristiano Militello probabilmente avrà modo di parlare non solo della relazione sentimentale con la sua Eva ma pure di un singolare riconoscimento che gli è stato tributato nei giorni scorsi a Gubbio (Umbria) al volto che da anni su Canale 5 conduce la rubrica satirica “Striscia lo Striscione”. Infatti una associazione del centro eugubino l’ha premiato con la curiosa “Patente dei matti”, un riconoscimento che il personaggio televisivo pisano ha ricevuto da Maggio Eugubino e che l’ha visto compiere il noto rituale locale che vuole che si compiano tre giri attorno alla fontana del Bergello alla presenza di una persona del luogo che farà da intercessore. La consegna della singolare targa è avvenuta in quel di Gubbio proprio dopo che il ‘rituale’ per verificare che Militello fosse… all’altezza di cotanta patente, con tanto di successivo tour della città in seguito e poi di una capatina nella vicina Bastia Umbra dove ha registrato un servizio proprio per Striscia la Notizia.

UNA FIGURINA PANINI PERSONALIZZATA…

Intanto, negli ultimi giorni, sulla sua seguitissima pagina Facebook, Cristiano Militello ha mostrato ai suoi quasi 80mila follower una a suo modo prestigiosa dedica ricevuta dalla Panini, storico marchio italiano famoso in tutto il mondo per le figurine dei calciatori. In una breve clip condivisa sul profilo, Militello si mostra intento in quell’attività che quasi tutti i ragazzini hanno compiuto da piccoli, ovvero il passare in rassegna le ‘figu’ degli amici e ripetere il proverbiale mantra “Celo, celo, mi manca…”. Tuttavia, tra le figurine che Militello passa in rassegna ce ne sono alcune che raffigurano proprio lui in maglia da calcio e che fanno dire al 50enne pisano “Ma chissà in quale squadra gioca questo cesso?”, ringraziano poi comunque la Panini per quelle che lui stesso definisce come delle “piccole grandi soddisfazioni…”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA