Bianco e Colapesce/ Il duetto più indie di San Giovanni (Concerto Primo Maggio 2019)

- Paolo Vites

Bianco e Colapesce, rappresentanti di spicco dell’indie, si esibiranno insieme per la prima volta al Concertone del primo maggio.

Bianco e Colapesce
Bianco e Colapesce (Instagram, 2019)

Bianco e Colapesce saranno il duo più indie del Concerto del Primo Maggio 2019. Alberto Bianco, in arte solo Bianco, ha sei dischi alle spalle cominciando dal 2011 con Nostalgina. Tipico esponente dell’indie cantautore, con la sua band ha anche accompagnato Niccolò Fabi nel suo tour del 2016. Ha inciso un duetto con Levante, Corri Corri della quale ha prodotto anche due dischi. Nostalgina ha debuttato in streaming esclusivo sul sito di Rolling Stone Magazine e già a maggio 2011 Bianco è stato notato da MTV, che l’ha nominato artista della settimana per MTV New Generation con il video di Mela, il suo primo singolo. Da qui si sono susseguiti una serie di supporti a importanti artisti del panorama indipendente italiano e non solo: Niccolò Fabi,  Linea 77, Dente, Le luci della centrale elettrica, Noah and the Whale White Lies, questi ultimi sempre grazie ad MTV, che lo ha scelto a novembre 2011 come artista del mese di New Generation, portando il suo secondo video Raccontami in rotazione su MTV Music. Oggi, mercoledì 1° maggio, Bianco salirà sul palco del Concerto del Primo Maggio insieme a Colapesce: “Questa è una delle bombe che tenevo nascosta da qualche tempo. Primo Maggio Roma col maestro Colapesce. Grande piacere affrontare una tappa così importante insieme. Nei prossimi giorni vi racconterò della band che ci accompagnerà“.

COLAPESCE E BIANCO INSIEME PER IL PRIMO MAGGIO

Pseudonimo di Lorenzo Urciullo, Colapesce è uno dei più noti rappresentanti dell’indie. Lorenzo Urciullo, che già era stato leader del gruppo Albanopower, attivo con l’alias The Last Merendina e del trio Tempestine e successivamente parte del progetto Santiago insieme ad Alessandro Raina (Amor Fou) nel 2010 lancia il progetto solista Colapesce per la produzione dell’EP Colapesce . Il nome scelto per il progetto è un riferimento alla siciliana Leggenda di Colapesce, rielaborata in occasione dell’uscita dell’EP da Angelo Orlando Meloni. Tre i dischi pubblicati e massimo rispetto nella scena indie di cui è considerato uno dei massimi rappresentanti. Nell’aprile 2019 esce l’album Faber nostrum, disco tributo a Fabrizio De André in cui vari esponenti della musica italiana reinterpretano un brano del cantautore genovese. Colapesce partecipa realizzando la cover di La canzone dell’amore perduto, rilasciata come singolo di lancio.  Colapesce e Bianco porteranno dunque sul palco Concerto del primo maggio il simbolo dell’indie, la musica che insieme al rap e alla tra va per la maggiore.



© RIPRODUZIONE RISERVATA