Bruzzone vs Setta, lite a Storie Italiane/ “Criminologa di Ballando”, “Fatti curare”

Lite in diretta tv fra Roberta Bruzzone e Monica Setta a Storie Italiane

Bruzzone vs Setta, Rai
Bruzzone vs Setta (Storie Italiane)

Lite in diretta a Storie Italiane, programma di Rai Uno, fra la giornalista Monica Setta, e la nota criminologa Roberta Bruzzone. Si parla del caso della povera Deborah, la ragazza di 19 anni che ha ucciso il padre per difendere la mamma, la nonna e se stessa, e le due ospiti hanno due opinioni diametralmente opposte. La criminologa, infatti, è assolutamente convinta, citando più volte la legge, che la ragazza abbia agito per legittima difesa, spiegando che chiunque avrebbe fatto lo stesso per difendere la madre e la nonna. La pensa invece in maniera diversa la Setta, secondo cui non è bello far passare il messaggio di “farsi giustizia da soli”, sottolineando come bisogna sempre agire per legge, denunciando nelle sedi opportune. Le due iniziano così a punzecchiarsi per tutto il dibattito fino a che la Setta (anche se non si sente benissimo l’audio), pare abbia detto alla Bruzzone “Vai a fare la criminologa a Ballando con le stelle”.

BRUZZONE VS SETTA, LITE A STORIE ITALIANE

La frase ha fatto andare su tutte le furie la sua interlocutrice che interviene dicendo: «Io non faccio la criminologa a Ballando con le stelle, tra l’altro mi avevi detto tu poco tempo fa che ti era dispiaciuto non venire, quindi fatti vedere da uno bravo, se vuoi parliamo di gossip e altre cavolate che più ti competono». La Setta “minaccia” quindi di andarsene dallo studio, facendo il segno di togliersi il microfono. Altra discussione fra le due con la Bruzzone che esclama: «Ok, abbiamo scoperto che una persona seria non va a Ballando con le stelle, io non sono una persona seria…», e la Setta replica: «Se mi dai della psicopatica perdonami ma…». A quel punto interviene Eleonora Daniele che chiede alla regia di chiudere i microfoni: «Per favore!». La discussione pochi istanti dopo svanisce, e viene introdotto un altro argomento.



© RIPRODUZIONE RISERVATA