EUROVISION 2019, DIRETTA E CLASSIFICA FINALE/ Mahmood secondo, il vincitore è…

- Stella Dibenedetto

Eurovision Song Contest 2019: vincitore e diretta finale: Mahmood chiude secondo, decisivo il televoto che premia l’Olanda davanti all’Italia e alla Russia

Mahmood all'Eurovision
Mahmood all'Eurovision Song Contest 2019 (LaPresse)

TELEVOTO DECISIVO PER MAHMOOD: I COMPLIMENTI DELLA PAUSINI

Alla fine decisivo doveva essere e decisivo è stato il televoto, anche se la cavalcata finale di Mahmood si è interrotta a soli 27 punti di distacco dal vincitore olandese Duncan Laurence: “Soldi” ha sfiorato l’impresa e resta comunque fenomenale il risultato del cantante italiano alla sua primissima esperienza europea. La scalata in netta sorpresa della Macedonia del Nord è stata “placcata” dal televoto dove invece Mahmood è andato fortissimo e dove sono mancati all’Italia solo i voti della Danimarca che ha invece scelto praticamente all’unanimità lo sfidante con “Arcade”. «Complimenti Mahmood. Arrivare secondo con un brano cantato in italiano oggi è veramente un traguardo gigante. Continua così, questo è solo l’inizio» è il commento su Instagram di una entusiasta Laura Pausini, fino all’ultimo super tifosa di Mahmood nella edizione dell’Eurovision più seguita di sempre sia dall’Italia che dall’estero. (agg. di Niccolò Magnani)

EUROVISION 2019, DIRETTA FINALE: MAHMOOD INCREDIBILE SECONDO!

Incredibile all’Eurovision 2019, il vincitore è l’Olanda con Duncan Laurence e la sua “Arcade”. Mahmood con “Soldi” è arrivato secondo dopo una rimonta clamorosa al televoto che l’ha portato dal quarto posto al miglior piazzamento dell’Italia all’Eurovision negli ultimi anni. Una vera altalena, anzi, un’ottovolante di emozioni questo Eurovision 2019 che vede prevalere in classifica l’Olanda davvero di una manciata di voti, diremmo al fotofinish. Il pezzo di Duncan Laurence è maggiormente melodico, rispetto a quello di Mahmood, e decisamente orecchiabile, ammicca al pubblico con qualche battimano, proprio come “Soldi”, ma a differenza di quanto ha fatto – praticamente unico nella manifestazione – Mahmood, è un pezzo in inglese, mentre il cantante di Rozzano ha cantato in italiano, come da tradizione. E dobbiamo dire che la presa sul pubblico c’è stata, come sulla giuria. E’ mancato proprio pochissimo, ma al di là delle polemiche Mahmood è sicuramente il cantante – classifica alla mano – che ha portato la bandiera italiana più in alto all’Eurovision. E questo è un dato su cui riflettere. Coraggio e identità non sono mancati a Mahmood che ha saputo accettare il verdetto con il sorriso sulle labbra, anche se ha mostrato una grande tensione e grinta nel seguire l’andamento del voto. Bene così, Mahmood, il vincitore dell’Eurovision 2019 non sei tu, ma forse vedendoti lottare così in patria hai ricompattato gli appassionati di musica al di là delle polemiche. Questa è la vera vittoria.

DELUSIONE MAHMOOD

Delusione per Mahmood dopo la prima fase di votazioni, quella che ha dato vita alla classifica delle giurie dei 41 paesi dell’Eurovision 2019. A lungo in testa e sul podio, Mahmood ha chiuso questa classifica al quarto posto a 212 punti, dietro all’Olanda a 231 punti, alla rivelazione Nord Macedonia con 237 e alla Svezia (tra i paesi favoriti) a 239. Tutto ovviamente può essere sconvolto dal televoto che andrà a sommarsi a questa classifica per determinare il vincitore della competizione. Certo per Mahmood, che ha rilasciato dopo la sua performance ai microfoni di Raiuno delle dichiarazioni molto belle e semplici che esprimevano tutta la sua meraviglia re gratitudine per quanto gli sta accadendo nell’ultimo anno, un piazzamento a Eurovision sarebbe bellissimo, ma con la sua posizione di classifica un pensiero alla vittoria finale, dopo essere stato il vincitore del premio speciale, lo aveva fatto. E ora tutto in mano al televoto.

LOTTA IN CLASSIFICA

Una lotta serratissima quella della prima parte di voti che vede continui sconvolgimenti nella classifica dell’Eurovision 2019 che dovrà dire chi sarà il vincitore di quest’anno. Una vera altalena di emozioni per Mahmood che partito molto forte al voto nella prima parte ha poi subito il sorpasso di Nord Macedonia e Svezia per poi scivolare indietro in classifica. Ma quando arriviamo a circa due terzi dello spoglio dei voti dei paesi per questo Eurovision 2019 “Soldi” ha uno scatto velino e si aggiudica il bottino pieno da ben quattro paesi in rapida sequenza risalendo fino al secondo posto scalzando la Svezia per pochissimo. E quando mancano 10 paesi in questa prima fase del voto la situazione di classifica è questa: Nord Macedonia 175 Italia 155 Svezia 149. Una battaglia davvero emozionante, ma a questo punto dell’Eurovision 2019 è lecito sognare. Per il vincitore sarà battaglia vera fino alla fine. Per ora Mahmood ha mostrato il suo consueto carattere piuttosto misurato e controllato, ma l’emozione si sente e se ha accusato una piccola delusione nella fase centrale del voto, con il risalire in classifica si sta comprensibilmente concedendo a espressioni di grande emozione.

TRIONFO PER LIKE A PRAYER

Madonna fa il suo ingresso trionfale sul palco dell’Eurovision 2019. La Regina del Pop canta Like a Prayer, un brano del 1989. Dopodiché tocca a Future, preceduta da una parte parlata (e un po’ danzata) che ricorda vagamente Il lago dei cigni. Poco dopo la raggiunge Quavo, che con lei ha inciso il pezzo. A fine esibizione, si prendono per mano e cadono all’indietro. “Abbiamo visto che c’è il trucco”, commentano Federico Russo e Flavio Insinna. Naturalmente, all’Eurovision, nulla è lasciato al caso. Per questo Madonna viene portata via con una scorta “da presidente degli Usa”. Ancora una volta, sono i conduttori a regalarci un punto di vista inedito sull’evento. Malta regala 12 punti all’Italia, così come la Macedonia del Nord e – in rapida successione – anche San Marino. “Mahmood inizia a sorridere sempre di più”, commentano i conduttori sul palco. (agg. di Rossella Pastore)

MAHMOOD SHOW, ORA MADONNA

Sul palco si susseguono canzoni e cantanti vincitori dell’Eurovision Song Contest. Gli ultimi a fare la loro passerella sono Gali Atari e Milk and Honey, che con Hallelujah hanno conquistato l’Eurofestival 1979. Si tratta dei terzultimi vincitori in ordine di tempo: già due volte, infatti, Israele ha ospitato la manifestazione. Dopo il siparietto con gli israeliani, tocca finalmente a Madonna. L’ospite speciale incoraggia tutti: “Siete già vincitori, indipendentemente dal risultato finale. So che non è stato facile arrivare fin qui. Avete tutti un sogno, ci dovete credere a prescindere da come andrà a finire”. La Regina del Pop sottolinea una cosa: “Le delegazioni arrivano da tutte le parti del mondo, ma l’unica a cosa che le porta qui è la musica. Ho avuto la fortuna di visitare tutti questi Paesi: confermo che ciò che li unisce è sempre la musica”. Infine lancia uno slogan: “Music makes the people come together. Yeah!“. (agg. di Rossella Pastore)

OVAZIONE PER MAHMOOD

Zena, dalla Bielorussia, è la più giovane concorrente in gara all’Eurovision 2019. 16 anni, infatti, è l’età minima per partecipare al concorso. Dopo di lei tocca a Chingiz, dall’Azerbaigian. Chingiz ha avuto un’infanzia molto difficile: è cresciuto con la madre e con il fratello in una casa senza gas e senza luce. Bilal prova a vincere con Roi (King), dopo 40 anni di mancate premiazioni. Eppure è stato uno dei Paesi più fortunati delle prime cinque edizioni, con l’ultimo podio conquistato nel 1977. Dopo la Francia tocca a noi, cugini italiani, con Mahmood e la hit Soldi. Il nostro Alessandro si becca applausi ancor prima di iniziare a cantare. I conduttori, Federico Russo e Flavio Insinna, fanno sapere che il pubblico era tutto in piedi. “7mila persone battono le mani a tempo”. Complimenti anche a Giacomo, Gianmarco e Gianluca, che hanno ballato la coreografia di Thomas Signorelli. (agg. di Rossella Pastore)

I FIDANZATINI ZALA E GASPER

Tamara Todevska gareggia per la Macedonia del Nord con la canzone Proud. Dal pubblico si leva qualche fischio, forse perché la melodia è un po’ troppo nostalgica. Più apprezzato il brano di John Lundvik (Svezia) Too Late for Love. John è doppiamente in gara: ha scritto anche Bigger than Us, del concorrente britannico. John è un vero tuttofare. Tra le curiosità sul suo conto c’è anche la medaglia di bronzo vinta ai campionati di atletica leggera. Dopo di lui tocca alla Slovenia di Zala e Gasper. I due sono conosciuti su Instagram e hanno iniziato così il loro sodalizio artistico e sentimentale. La Slovenia non è un Paese fortunato, almeno per quanto riguarda l’Eurovision. Pur non avendo mai vinto, però, ci ha aiutato a farlo, con il coro che ha supportato Toto Cutugno nel 1990. (agg. di Rossella Pastore)

QUATTRO LINGUE, UNA CANZONE

Le Sisters, dalla Germania, cantano una canzone sulla “sorellanza”. E’ la più romantica, sinora, e s’intitola proprio Sister. “Sono le Paola e Chiara tedesche”, per i conduttori dell’Eurovision 2019. La loro è l’unica nazione a non essersi mai persa un’edizione del concorso. Ne ha anche vinte due, nell’82 e nel 2010. Che sia l’anno del riscatto? Certo è che le Sisters hanno tutte le carte in regola per piazzarsi in cima alla classifica. Dopo la Germania tocca a Russia e Danimarca. Elegantissima la performance della danese, così come la clip, girata in una scuola di danza. La canzone di Leonora si chiama Love is Forever ed è proprio “carina”. E’ questo l’aggettivo giusto: Leonora è una di quelle che sul palco sanno muoversi, in quanto ex pattinatrice. La canzone è cantata in quattro lingue: inglese, francese, tedesco e danese. (agg. di Rossella Pastore)

MICHELE PACE E JONIDA

Netta, la vincitrice della scorsa edizione, inaugura la finale dell’Eurovision Song Contest 2019. Lo fa intonando il ritornello di Toy, la canzone che le ha portato fortuna. Subito dopo tocca ai cantanti in gara quest’anno. Tutti fanno la loro sfilata; alcuni, come il concorso ci ha abituati, sfoggiano look assolutamente inediti. La prima a cantare è Michela Pace from Malta. Il suo brano, Chameleon, è pop e piuttosto “divertente”. Più di tutto stupisce la scenografia, che – proprio come il camaleonte – cambia continuamente colore. Segue l’albanese Jonida Maliqi, che più che sugli effetti scenografici punta sul testo. La cantante ha dichiarato di aver scritto questo brano “per tutti i popoli costretti a lasciare la loro terra”. Significato attualissimo, dunque. Dopo le ragazze si esibiscono i giovanissimi cantanti della Repubblica Ceca e le Sisters tedesche. (agg. di Rossella Pastore)

L’ANTEPRIMA

“La vita è l’arte dell’incontro, un po’ come la musica”. E’ Flavio Insinna a inaugurare la finale dell’Eurovision Song Contest 2019, con una perla delle sue. La vita sarà pur l’arte dell’incontro, ma lui e Federico Russo non si sono ancora visti. Uno – Insinna – è in una libreria della Capitale, con giacca “grigio topo” e occhialini da intellettuale. In Israele vuol arrivare preparato: “E’ un viaggio spirituale!”, sostiene, non troppo convincente. Federico Russo si trova già in spiaggia, in costume e occhiali da sole. Non appena Flavio lo raggiunge, i due incontrano Mahmood. “Allora? Tu come ti vesti? Abbiamo preparato due cosine per te”. E gli propongono qualche look da sfoggiare durante la finale. Prevedibilmente, Alessandro non si lascia persuadere: “Ci penso io, ragazzi. Mi lasciate solo 5 minuti?”. 5 minuti dopo (il tempo di vestirsi) è la volta dei videomessaggi di incoraggiamento: Roby Facchinetti, Elodie, Pippo Baudo e la “zia” Mara Venier gli augurano in bocca al lupo. (agg. di Rossella Pastore)

IL DESIDERIO DEL CANTANTE ITALIANO

Questa sera dalle 20.35 su Rai 1 andrà in onda la finale dell’Eurovision Song Contest 2019, con il commento di Federico Russo e Flavio Insinna. Ospite internazionale Madonna, che si esibirà per il pubblico. Inutile dire che l’attesa del pubblico italiano è tutta per Mahmood. Il cantante, come riporta Repubblica, ha ammesso il suo desiderio più grande in merito alla gara: “Spero di rappresentare al meglio quella parte di giovani italiani ed europei che hanno voglia di rimanere uniti”, ha spiegato Alessandro Mahmoud, per poi svelare i suoi progetti: “Nei primi giorni di giugno andrò a scrivere dei brani al Midem di Cannes insieme con altri autori francesi, tedeschi e di altre nazioni e spero che questo sia un bell’esempio di connessione fra artisti e uomini di vari Paesi”. (Aggiornamento di Anna Montesano)

L’ULTIMO APPELLO DI MAHMOOD

Dopo una lunga settimana di prove, esibizioni e interviste, questa sera Mahmood salirà sul palco dell’Eurovisione Song Contest 2019 per giocarsi la finalissima insieme agli altri Paesi che vi hanno avuto accesso in questi giorni e non solo. La sua Soldi Soldi ha già conquistato il più grande Festival musicale al mondo e tutti sono pronti a puntare su posti alti in classifica per la canzone, alcuni addirittura pensano alla vittoria finale. Rimane il fatto che il suo brano oggi concluderà un percorso iniziato in salita allo scorso Festival di Sanremo con una vittoria meritata, nonostante le polemiche, e un successo di vendite che Mahmood ha saputo accogliere con umiltà e rispetto. Anche oggi si prepara a salire sul palco della Kermesse non prima di aver fatto il suo “ultimo appello” agli italiani: Ciao. Sono un ragazzo di 26 anni nato e cresciuto a Milano sud. Ho fatto un po’ di mestieri nella mia vita ma ho sempre voluto fare musica. […] Canterò SOLDI. Forse l’avete già ascolta e riascoltata ma spero che chi non l’abbia ancora fatto riesca ad appassionarsi alla storia di una famiglia come tante. ITALIA SPERO DI NON DELUDERTI. Un abbraccio da Tel Aviv”. Clicca qui per vedere il video e leggere il messaggio integrale. (Hedda Hopper)

I CONDUTTORI DELLA SERATA

L’attesa è finalmente finita. Oggi, sabato 18 maggio, alle 20.35 su Raiuno, andrà in onda la finalissima dell’Eurovision Song Contest 2019. L’evento sarà trasmesso in diretta mondiale. Per l’Italia, lo show sarà condotto da Flavio Insinna e Federico Russo. A contendersi la vittoria, in diretta da Tel Aviv, saranno 26 Paesi. Nel dettaglio Flavio, Federico e Mahmood apriranno la serata con una divertente anteprima dalle 20.35 circa alle 21.00, momento in cui comincerà la diretta mondiale. L’Eurovision resta l’evento più visto nel mondo. Lo scorso anno, la finaissima fu seguita da 186 milioni di ascoltatori complessivi. L’Italia, come è noto, sarà rappresentata da Mahmood che, dopo aver vinto il Festival di Sanremo 2019, cercherà di trionfare anche all’Eurovision con “Soldi” in una versione più corta per rispettare il limite dei tre minuti imposto dall’organizzazione.

EUROVISION SONG CONTEST 2019: MADONNA OSPITE

Ospite straordinario della 64esima edizione dell’Eurovision Song Contest 2019 sarà la star internazionale Madonna, che, nell’occasione, presenterà in anteprima assoluta il nuovo singolo “Future” tratto dal suo ultimo album. Lady Ciccone regalerà al pubbico dell’Eurovision anche una sua storica hit, come “Like a prayer”. La decisione di Madonna di partecipare alla manifestazione è stata molto criticata da diversi artisti tra i quali anche Roger Waters dei Pink Floyd che ha puntato il dito contro la cantante per aver deciso di partecipare all’evento nonostante si tenga in Israele. L’Eurovision potrà essere seguito anche in radio. A condurre la diretta radiofonica su Radio2 saranno Gino Castaldo ed Ema Stokholma.

LA SCALETTA DEI CANTANTI DELL’EUROVISION 2019

L’esibizione di Mahmood con “Soldi” sarà la numero 22 dell’Eurovision 2019, dopo quella della Francia (Bilal Hassani con “Roi”) e prima della Serbia (Nevena Bozovic con “Kruna”). Ad aprire lo show, invece, sarà Malta, con “Chameleon” di Michela, mentre sarà chiuso dalla Spagna, con “La venda” di Miki. Ecco a scaetta competa: Malta, Albania, Repubblica Ceca, Germania, Russia, Danimarca, San Marino, Macedonia del Nord, Svezia, Slovenia, Cipro, Paesi Bassi, Grecia, Israele, Norvegia, Regno Unito, Islanda, Estonia, Bielorussia, Azerbaigian, Francia, Italia – Mahmood con Soldi, Serbia, Svizzera, Australia, Spagna.

© RIPRODUZIONE RISERVATA