GESSICA NOTARO SU PAMELA PRATI/ “Aggressione con l’acido? Prima al mondo a schivarla”

- Dario D'Angelo

Le parole di Gessica Notaro sulla presunta aggressione con l’acido subita da Pamela Prati: “Non voglio insinuare niente ma dico che…”

gessica notaro storie italiane 2019 rai
Gessica Notaro accanto a Roberta Bruzzone (Storie italiane)

Sono destinate a far discutere le parole di Gessica Notaro, l’ex miss sfregiata con l’acido dall’ex fidanzato Edson Tavares. La coraggiosa protagonista di una storia che ha colpito tutta l’Italia, ospite di Eleonora Daniele a Storie Italiane, ha detto la sua rispetto alle recenti dichiarazioni di Pamela Prati, che ha detto di essere sfuggita a sua volta ad un’aggressione con l’acido. Una ricostruzione, quella fatta dalla showgirl che nelle ultime settimane sta attirando l’attenzione dei media per il suo matrimonio (per ora saltato) con il fantomatico Mark Caltagirone, che non sembra essere andata giù ad una come Gessica Notaro che, purtroppo per lei, di aggressioni con l’acido se ne intende eccome. La bella Gessica è infatti apparsa alquanto dubbiosa:”Credo che sia molto difficile sfuggire da un vero attacco con l’acido. Se una persona è seriamente intenzionata ad aggredirti con l’acido, è quasi impossibile schivarla: è questione di secondi…se Pamela Prati l’ha schivata, è veramente la prima ad essere così fortunata nel mondo!”

GESSICA NOTARO SU PAMELA PRATI

Gessica Notaro scettica sulle parole di Pamela Prati? Non è l’unica. Negli studi di Storie Italiane, infatti, era presente anche Roberta Bruzzone. La criminologa, dall’alto della sua esperienza del settore, ha aggiunto un altro dettaglio di cui tenere conto: ovvero che questa tipologia di aggressioni solitamente non viene “annunciata”. Gessica Notaro ha voluto sottolineare che le sue non sono insinuazioni ma semplici constatazioni:”Non voglio insinuare che quanto dice Pamela Prati sia vero o meno. Mi limito a dire che se veramente è riuscita ad evitare un’aggressione con l’acido, è davvero una miracolata! Io dico sempre: è una frazione di secondo… il tempo di accendere e spegnere un interruttore. E’ quella la velocità con cui, purtroppo, ti cambia la vita e non puoi può tornare indietro. E non te l’aspetti! Si può essere un campione mondiale di arti marziali o avere un’arma in mano: l’aggressione non la si può evitare”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA