Ilona Staller querela Rocco Siffredi/ “Chiesto un risarcimento di 500 mila euro”

- Anna Montesano

Ilona Staller querela Rocco Siffredi dopo le dichiarazioni fatte a Live non è la d’Urso. Il comunicato dell’avvocato: “Chiesti 500 mila euro di risarcimento”

cicciolina ilona staller iene
Cicciolina contro Rocco Siffredi (Le Iene)

Dopo il botta e risposta televisivo nello studio di Live non è la d’Urso, la querelle che ha come protagonisti Ilona Staller e Rocco Siffredi non si arresta e aggiunge anzi un nuovo tassello. Un comunicato da parte del legale di Ilona Staller, nota anche come Cicciolina, annuncia l’intenzione di prendere provvedimenti nei confronti del noto attore e regista porno. Su questo, come riporta Il Giornale, si legge: “Rocco Siffredi continua ad offendere Ilona Staller e un gentiluomo non offende mai una donna – ha fatto sapere l’avvocato che assiste la ex pornodiva, Luca Di Carlo – . Se Rocco Siffredi vuole questa notorietà sarà accontentato”. L’avvocato fa quindi sapere che: “Verrà chiesto un risarcimento di 500.000 euro, che verrà devoluto a una associazione antiviolenza per la donna“.

ILONA STALLER VS ROCCO SIFFREDI: DALLA TV AL TRIBUNALE

D’altronde Rocco Siffredi, a Live non è la d’Urso, in merito è tornato a parlare dei dissapori con Ilona Staller, dichiarando: “L’ho conosciuta quando lei era appena stata eletta in Parlamento e stava girando i suoi ultimi film. Era molto fredda e non la considero una vera pornostar”. Precisando: “Devo chiederle scusa come donna per quello che ho detto su di lei, ma non mi ha insegnato nulla”. Di fronte a tali dichiarazioni e a quelle di Siffredi sul cattivo odore di Cicciolina, l’avvocato della Staller – Luca Di Carlo, ha fatto sapere: “lei non tollera più questo atteggiamento e procederà per le vie legali”. Ciò vuol dire che la querelle tra le due star del porno si sposta dai salotti televisivi alle poltrone del tribunale.



© RIPRODUZIONE RISERVATA