Monia Gabaldo/ Mamma coraggio: “Se non conosci l’autismo lo eviti” (S’è fatta notte)

- Jacopo D'Antuono

Monia Gabaldo figura tra le ospiti della puntata di questa sera di S’è fatta notte, il programma condotto da Maurizio Costanzo in onda su Rai Uno.

monia gabaldo facebook
Monia Gabaldo, il marito Gabriele e i suoi tre figli (Foto: Facebook)

Monia Gabaldo figura tra le ospiti della puntata di questa sera di S’è fatta notte, il programma condotto da Maurizio Costanzo in onda su Rai Uno. Di chi si tratta? Monia Gabaldo è una “mamma coraggiosa”, alle prese con sacrifici quotidiani, una mamma che bada a tre bambini affetti da autismo. Per Monia la famiglia è tutto e nell’intervista da Costanzo racconterà come l’amore sia l’arma migliore per affrontare le battaglie più complicate. Monia Gabaldo è un nome conosciuto ai frequentatori di YouTube, dal momento che gestisce un canale con un obiettivo ragguardevole. Si chiama “Autismo ad alto funzionamento” e attraverso la piattaforma rilancia il suo messaggio: “I miei figli non devono spaventarvi”. Monia Gabaldo, moglie di Gabriele, nell’intervista su Rai Uno elencherà le difficoltà provocate dalla convivenza con questa malattia neuropsichiatrica, rivelando la sua quotidianità.

Monia Gabaldo, autismo: ospite di Maurizio Costanzo a S’è Fatta Notte

Si parlerà di autismo a S’è Fatta Notte, con Monia Gabaldo ospite di Maurizio Costanzo. Il conduttore intervista una madre di tre bambini affetti da una grave malattia neuropsichiatrica, con l’intento di capire come una mamma possa affrontare questa difficile lotta. Una lotta colma di ostacoli, di imprevisti. Quelli con cui la Gabaldo ha a che fare ogni giorno. “L’essere umano distrugge ciò che non conosce, perché ha paura. Se uno non conosce l’autismo, lo evita”. La sua missione è di far conoscere le condizioni in cui lei e tante altre famiglie si ritrovano, ma anche di regalare un po’ di coraggio ai familiari dei bimbi malati. In questo senso il canale YouTube è il manifesto perfetto: “Sì perchè c’è un sacco di gente che ci scrive. Sono persone che stanno combattendo la stessa nostra battaglia e noi ci siamo”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA