Paolo Bonolis lascia la tv?/ “Non manca molto…” (Ciao Darwin 8)

- Emanuele Ambrosio

Paolo Bonolis è pronto per una nuova puntata di Ciao Darwin 8, anche se non si placano le polemiche per l’incidente del Genodrome

Paolo Bonolis
Paolo Bonolis, Che tempo che fa

Paolo Bonolis lascia la televisione? Il conduttore di Ciao Darwin ha fatto capire che non sarà per molto ancora sul piccolo schermo. A FanPage.it ha svelato infatti: “Dirò basta prima di diventare uno dei vecchi della tv e ci siamo vicini”. Nato a Roma il 14 giugno del 1961 tra poco più di un mese compirà 58 anni. Paolo è tornato anche sul programma che in questo periodo ha aperto una valanga di polemiche e che vedremo stasera in onda su Canale 5: “Il programma vuole sottolineare e cioè che non siamo migliori né peggiori di altri. Abbiamo tutti incongruenze e scempiaggini che la trasmissione vuole raccontare sempre col sorriso. Cercavo di farlo ai tempi di Bim Bum Bam e cerco di farlo oggi. Credo che l’imperiosa volontà accademica sia noiosa o quantomeno a me non piace come veicolo di pensiero. Preferisco la leggerezza intrisa di qualcosa che può portare alla riflessione“. (agg. di Matteo Fantozzi)

Polemiche a non finire

Paolo Bonolis torna alla guida di una nuova puntata di “Ciao Darwin 8 – Terre Desolate“, ma non si placano le polemiche per l’incidente che ha coinvolto un concorrente durante la prova dei rulli del Genodrome. Dopo lo stop forzato da parte di Mediaset di una settimana, il varietà è tornato in onda con una nuova sfida che ha nuovamente registrato ottimi dati di ascolto battendo la concorrente. In apertura però Bonolis ha voluto prendere posizione invano un lungo e sentito messaggio alla famiglia del concorrente coinvolto nell’incidente. “Ovviamente siamo umanamente molto dispiaciuti dell’accaduto e siamo vicini a lui e alla sua famiglia, lo siamo stati fin dal primo momento – ha detto Bonolis – Abbiamo posto in essere tutte le misure necessarie, tutto quello che era necessario al suo immediato soccorso. Abbiamo costantemente monitorato tutto lo sviluppo della vicenda. Quindi, invitiamo a chi fosse davvero interessato di seguire solamente e nient’altro che le notizie ufficiali. Per rispetto del concorrente, della famiglia e, sopratutto, per rispetto della verità”.

Striscia La Notizia contro Paolo Bonolis

Nonostante le parole di Paolo Bonolis la polemica non sembra essere finita. In tanti hanno “accusato” il programma e la produzione di aver ricominciato come se nulla fosse successo. Anche Striscia La Notizia, il tg satirico di Antonio Ricci, ha voluto dedicare ampio spazio a Paolo Bonolis relegandolo al primo posto della speciale classifica de I Nuovi Mostri. Il motivo? Durante l’ultima puntata di Ciao Darwin 8 il conduttore è stato colpito in pieno viso da una torta in faccia.  Un momento davvero divertente che il tg satirico di successo di Canale 5 ha voluto rimarcare. Una scenetta forse pensata anche per allontanare i cattivi pensieri dell’incidente con Paolo Bonolis che, dopo aver ricevuto la torta in faccia ha detto: “Vi chiedo scusa. Dopo due Sanremo, Il senso della vita, sono contento di aver buttato la mia carriera nel pattume”.

Paolo Bonolis e l’incidente Ciao Darwin 8

Intanto i parenti del concorrenti hanno rilasciato una serie di dichiarazioni all’Adnkronos sulle sue condizioni di salute. “Le condizioni sono sempre uguali – ha dichiarato ad Adnkronos il cugino Stefano Ambrosetti – bisogna aspettare, è cosciente, ma dal collo in giù è bloccato. Sembrava ci fossero leggeri segnali ma nulla di più”. Sarebbe stabili le condizioni di Gabriele Marchetti, il concorrente che durante la prova dei rulli del Genodrome è rimasto coinvolto in un’incidente durante la puntata di “Nati vecchi” contro “Finti giovani”. Il pubblico di Canale 5 ha notato come la partecipazione al gioco del concorrente sia stata si trasmessa, ma non integralmente. La produzione, infatti, ha pensato bene di non trasmettere il momento dell’incidente che ha coinvolto il 54enne evitando così di mostrare al pubblico la caduta. Al di là delle polemiche, la scelta della produzione è stata più che giusta.

© RIPRODUZIONE RISERVATA