ASCOLTI TV 4 giugno 2010/ Nel nome del cuore batte Se solo fosse vero. Male Private Practice. Gli ascolti tv del 04.06.10

- La Redazione

Nel nome del cuore, varietà in diretta dalla piazza inferiore della Basilica di Assisi, ha sbaragliato la concorrenza

Tv_Telecomando_SceltaR375

Ascolti tv di ieri sera, venerdì 4 giugno 2010 – La musica e il varietà hanno trionfato ieri sera in televisione. Nel nome del cuore, varietà in diretta dalla piazza inferiore della Basilica di Assisi, condotto da Carlo Conti e con ospiti come la cantante Malyka Ayane, Renato Zero e Francesco Renga ha sbaragliato la concorrenza., facendo decisamente meglio del film Se solo fosse vero, che non era in prima visione tv.

Ascolti tv di ieri sera, venerdì 4 giugno 2010 – Secondo i dati forniti dal sito tvblog.it, Nel nome del cuore (Raiuno) ha raccolto oltre 5,5 milioni di spettatori (share superiore al 24,6%), grazie soprattutto agli ospiti che hanno animato la serata. Il film Se solo fosse amore (Canale 5) con Reese Witherspoon e Mark Ruffalo si è fermato a 3,9 milioni di teste, con uno share del 17,7%.

Ascolti tv di ieri sera, venerdì 4 giugno 2010, altri programmi – La serata in casa Rai è stata però guastata dal flop di Private Practice (Raidue). Il telefilm ha infatti raggiunto al massimo 1,1 milioni di spettatori (share del 4,85%). Meglio è andata a CSI (Italia 1) che è arrivata a 2,5 milioni di spettatori (share del 10,8%). Buon risultato anche per La Grande Storia (Raitre), che è stata seguita da 2,2 milioni di persone (share del 10,2%). Più indietro il film Ballistic (Rete 4) a quota 1,9 milioni di telespettatori (share dell’8,7%). Exit Files (La7) si ferma invece a 530.000 spettatori (share del 2,3%).

Ascolti tv di ieri sera, venerdì 4 giugno 2010, access prime time – Anche questa volta Striscia la Notizia non ce l’ha fatta. I soliti ignoti (Raiuno) ha infatti sfiorato i 5,5 milioni di telespettatori (share del 25%), mentre il programma di Canale 5 si è fermato a 5,3 milioni (share del 24,2%).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori