L’INCREDIBILE VIAGGIO DELLA TARTARUGA/ Anticipazioni di fantastico giro del mondo (Rai Tre, 21.30)

- La Redazione

L’INCREDIBILE VIAGGIO DELLA TARTARUGA/   Anticipazioni tv stasera 12 febbraio 2011 21,30 Rai Tre

Telecomando_TvR400
Foto: Fotolia

L’incredibile viaggio della tartaruga – Anticipazioni tv stasera 12 febbraio 2011 21,30 Rai Tre – Una piccola tartaruga marina segue la via dei suoi antenati e compie uno dei viaggi più eccezionali che mente umana ricordi. Nata su una spiaggia della Florida, segue la Corrente del Golfo, fino ai ghiacci del nord e nuota attraverso l’Atlantico del Nord, fino all’Africa per poi fare ritorno in Florida a deporre le proprie uova.

Solo una tartaruga marina su mille riesce a sopravvivere a questo incredibile viaggio. L’incredibile viaggio della tartaruga è un film documentario di Nick Stringer. Stringer è un regista che da anni si batte per la salvaguardia dell’ambiente marino e delle tartarughe. E’ spinto anche dalla sua passione per questi meravigliosi animali. Ha così deciso di mostrare sul grande schermo lo straordinario viaggio che ognuna di loro compie nel corso della sua esistenza.

Stringer infatti mostra l’oceano visto secondo un’ottica diversa, quella di una tartaruga che ripercorre la stessa rotta che i suoi antenati fanno da più di duecento milioni di anni Per la realizzazione di questo documentario ci sono voluti ben cinque anni. Nella versione italiana la voce narrante è stata quella di Paola Cortellesi.

Il titolo originale è infatti “Turtle: The Incredible Journey”. E’ una produzione divisa in tre tra Gran Bretagna, Austria e Germania, del 2009. Gli interpreti sono Hannelore Elsner e Miranda Richardson. Il film girato grazie all’ausilio di nuove tecnologie e un esempio di come la tecnica possa essere al servizio della conservazione della natura e di una specie, proprio quella delle tartarughe, prossime all’estinzione.

Ecco a proposito le parole dello stesso regista. “Portare l’HD nell’ambiente marino è stato molto stimolante perché le macchine da presa sono molto silenziose. Tutti gli animali che normalmente nuotano nell’oceano reagiscono alle bolle del nostro equipaggiamento subacqueo e al suono della macchina da presa. Con l’HD invece il suono è stato limitato, permettendoci di lavorare in relativo silenzio”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori