LE PAROLE CHE NON TI HO DETTO/ Un messaggio in una bottiglia e una storia di amore e mistero nel film di Canale 5. La Trama

- La Redazione

Guida ai Programmi tv: La trama del film “Le parole che non ti ho detto” che verrà trasmesso questa sera alle ore 21.20 da Canale 5. Un film evergreen che racconta un drammatico amore

Fotolia_telecomando2_R439
Fotolia

Con “Le Parole che non ti ho detto” torna sugli schermi televisivi un film evergreen che, pur nella sua drammaticità, riesce a raccontare con toni dolci e pacati una storia d’amore profonda e travolgente che tenta di sopravvivere agli ingombranti fantasmi del passato. Protagonista della storia è Theresa Osborne (Robin Wright Penn) che, a seguito della separazione dal marito, conduce una vita dedita al figlio dodicenne, Kevin, e al lavoro presso il Boston Times. Approfittando dell’assenza del figlio, affidato al papà, Theresa decide di regalarsi alcuni giorni di totale relax, cercando di riprendersi dal fallimento del suo matrimonio e dal tradimento del marito. Decide di trascorrere una vacanza al mare e, mentre corre sulla spiaggia, trova una bottiglia contenente un messaggio. Theresa ne è ovviamente incuriosita e ne legge il contenuto, scoprendo così che si tratta di una struggente lettera d’amore ad una donna, chiamata Chaterine. Da quel momento Theresa cerca in tutti i modi di risalire all’autore, coinvolgendo anche il suo giornale che trasforma questa storia in uno scoop, seguito con curiosità dai lettori che vogliono scoprire l’identità del signor “G”. Non senza fatica, Theresa riesce a trovare il luogo dove vive il misterioso uomo. Si tratta di un paese nel Nord Carolina, Outer Banks e l’autore è Garret Blake (Kevin Costner) un costruttore di barche, affascinante ma solitario e scontroso, la cui unica compagnia è quella dell’anziano padre Dodge (Paul Newman). Theresa gli nasconde naturalmente il vero motivo della sua presenza lì e pian piano tra i due nasce una forte simpatia alimentata anche dai racconti di Dodge che nota l’interesse del figlio per la donna. Così viene a sapere che Catherine, la destinataria della lettera, era la moglie di Garret, morta improvvisamente, lasciando in lui un profondo senso di colpa. I due cominciano a frequentarsi con maggiore assiduità e l’amicizia si trasforma in qualcosa di più profondo anche se la silenziosa ma pesante presenza di Catherine non permette a Garret di lasciarsi andare completamente a questo nuovo sentimento. Theresa torna al suo lavoro ma invita l’uomo a casa sua. Questi accetta ma è proprio in questa occasione che trova la lettera, la bottiglia e gli articoli del giornale e rinfaccia a Theresa di aver mentito, costruendo una storia solo per farsi pubblicità. Ma lei gli confessa di essersi innamorata di lui, attraverso le sue lettere e di aver compreso di essere pronta a vivere una nuova storia, dopo la delusione avuta dal marito. Anche Garret si accorge, così, di essersi liberato dal peso del passato e di essere pronto a vivere una vita nuova ed un nuovo amore. Torna a casa con questa consapevolezza, ma durante un violento temporale per salvare una famiglia su una barca, cade in mare e scompare. Quasi come se Catherine avesse definitivamente legato a sé un uomo che stava cancellando il suo ricordo. Il mare, dopotutto, è uno dei protagonisti di questa storia. Restituisce la bottiglia con il suo messaggio segreto per far incontrare due persone che condividono lo stesso bisogno di amore ed al tempo stesso deluse ed addolorate da esperienze già vissute. Ma come un’ amante tradita, con ferocia, richiama a sé per sempre colui che aveva trovato la forza di ribellarsi al passato, spezzando per sempre il sogno d’amore di Theresa.

“Le parole che non ti ho detto” (durata 126 minuti – titolo originale Message in a Bottle) è un film intenso e profondo, tratto dal libro omonimo di Nicholas Sparks. Uscito nel 1999 per la regia di Luis Mandoki può contare su attori di grande rilievo, che riescono a dare spessore ad una trama che si sarebbe potuta rivelare banale. Figura secondaria, ma fondamentale è quella del padre di Garret, Dodge, che accompagna Theresa nella conoscenza della parte più profonda e nascosta dell’animo del figlio, tormentato non solo dalla perdita della moglie, ma anche dai sensi di colpa e dalle discussioni con la famiglia di lei. Pur trattandosi di un film datato, vale sicuramente la pena rivederlo poiché si tratta di una storia basata molto sulle emozioni, sulle frasi dette, ma soprattutto su quelle “non dette”. Sguardi, carezze e silenzi che valgono molo di più di mille parole. Il tutto supportato da una bella e suggestiva fotografia, opera di Caleb Deschanel. 
Il film, in programma su Canale 5 domenica 5 agosto alle ore 21,20 si dovrà contendere la prima serata con la fiction di Rai 1, “Ad un passo dal Cielo” con Terence Hill, con lo Sport delle XXX Olimpiadi su Rai 2 e con un cult del cinema su Rete 4 “Il principe e la Ballerina” con Marilyn Monroe. Gli estimatori di Kevin Costner e del genere sentimentale non avranno dubbi nella scelta.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori