ASCOLTI TV/ Vince Italia-Malta, L’onore e il rispetto 3 supera Ballarò. 11 settembre 2012

- La Redazione

La gara di ascolti che è andata in scena anche ieri, martedì 11 settembre 2012, vede trionfare il grande calcio proposto da Rai Uno. In prima serata è andata in onda la partita Italia-Malta

Osvaldo_Malta
Pablo Daniel Osvaldo, doppietta contro la Bulgaria (Infophoto)

La gara di ascolti che è andata in scena anche ieri, martedì 11 settembre 2012, vede trionfare il grande calcio proposto da Rai Uno. In prima serata è andata infatti in onda la diretta dallo stadio Braglia di Modena del match tra Italia e Malta valido per la qualificazione ai prossimi Mondiali di calcio in programma nel 2014 in Brasile. La partita, conclusa con un buon 2-0 in favore degli Azzurri guidati da Cesare Prandelli grazie alle reti di Mattia Destro e Federico Peluso, è stata seguita da 7.158.000 spettatori pari al 26.83% di share, mentre il prepartita ha ottenuto il 16.79% di share con 4.146.000 spettatori al’ascolto. Al secondo posto si piazza invece la fiction televisiva di Canale Cinque, L’orgoglio e il rispetto-Terza parte: davvero un ottimo esordio per il nuovo programma Mediaset che ieri sera ha appassionato 4.999.000 telespettatori totali con il 22.28% di share sul target commerciale. Sul terzo gradino del podio si posiziona poi Rai Tre, con la prima puntata della nuova stagione di Ballarò: il talk show d’approfondimento politico viene seguito da 3.102.000 telespettatori, ottenendo il 12.78% di share. Bene anche su Rai Due i due episodi della serie televisiva poliziesca Criminal Minds, ideata da Jeff Davis e che vede tra gli altri la partecipazione di Mandy Patinkin, Joe Mantegna, A. J. Cook e Thomas Gibson: l’appuntamento di ieri ha ottenuto 2.516.000 telespettatori (share del 9.21%) nel primo episodio, 2.695.000 spettatori (share del 10.21%) nel secondo e 2.030.000 (share del 9.17%) nel terzo. Su Italia Uno il film animazione Kung Fu Panda è stato seguito da 1.817.000 telespettatori totali (8.19% di share sul target 15-64 anni), mentre su Rete Quattro il film capolavoro di Robert Zemeckis, Forrest Gump, ha fatto segnare un ascolto medio pari a 1 milione e 262 mila telespettatori per uno share pari al 5,71%. Infine, ecco il film andato in onda su La7, “Bat21”, diretto da Peter Markle e con Genn Hackman, Danny Glover e Jerry Reed, capace di ottenere un seguito di appena 353 mila telespettatori per uno share pari all’1,41%.

Access Prime Time – Su Canale 5 ottimi risultati per “Veline” che ha ottenuto 4.852.000 telespettatori totali e una share del 19.12%  sul target commerciale. Il programma di Antonio Ricci ha raggiunto un picco di 6.295.000 telespettatori. Su Italia Uno la serie C.S.I. ha fatto registrare il 5.84% di share con 1.491.000 spettatori, mentre l’altra serie di Rete 4, Siska, ottiene il 5.11% di share con 1.338.000 persone incollate allo schermo. Infine la soap Un posto al sole segna l’8.24% di share grazie a 2.177.000 spettatori, mentre su La7 la seconda puntata di Otto e mezzo, condotta da Lilli Gruber, è stata seguita da 1.050.000 spettatori (share 3.95%). 

In preserale da sottolineare i buoni risultati di “Avanti un altro!”, il programma condotto da Paolo Bonolis che ha registrato 2.768.000 telespettatori totali con il 21.79% di share sul target commerciale. Ottimo inizio di stagione dunque per Canale 5, i cui risultati sono stati recentemente commentati dallo stesso direttore della Rete, Massimo Donelli: «“C’è posta per te”, “Avatar”, “Squadra antimafia”, “L’onore e il rispetto”, “Avanti un altro”, “Veline”: la partenza della nuova stagione televisiva conferma il primato assoluto di Canale 5 sul target commerciale 15-64 anni, il più pregiato, il più difficile da conquistare in un contesto competitivo che si allarga continuamente», ha detto Donelli. Canale 5, ha poi aggiunto, «è l’unica tv commerciale in grado di aggregare platee così vaste e garantire ascolti così importanti agli investitori pubblicitari. Con buonapace, una volta ancora, di chi si ostina a profetizzare, nonostante le sistematiche smentite fattuali, l’imminente morte della tv generalista I risultati confermano che l’esclusività dell’offerta di Canale 5 è apprezzata dalle famiglie italiane sempre più attente, esigenti e abili nella scelta fra centinaia di proposte tv. Ne siamo molto lieti», ha concluso Donelli.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori