ASCOLTI TV/ Chi l’ha visto? alle spalle di Italia-Olanda. Bene Mistero su Italia 1. 6 febbraio 2013

- La Redazione

La nazionale di calcio ha pareggiato, ma ha vinto la gara degli ascolti di ieri, martedì 6 febbraio 2013. L’amichevole Italia-Olanda (1-1) ha infatti sbaragliato la concorrenza

Fotolia_telecomando2_R439
Fotolia

La nazionale di calcio ha pareggiato, ma ha vinto la gara degli ascolti di ieri, martedì 6 febbraio 2013. L’amichevole Italia-Olanda (1-1), andata in onda su Rai Uno, è stata vista da 7.771.000 telespettatori, totalizzando così uno share del 25.57%. Al secondo posto si piazza la prima serata di Rai Tre, dove la trasmissione Chi l’ha visto? ha totalizzato un numero di spettatori pari a 3.677.000 per uno share del 13.15%. Al terzo posto il film di Canale 5, Letters to Juliet, con Vanessa Redgrave e Amanda Seyfried, che ha ottenuto una quota di share del 12.07% (13.35% sul pubblico attivo), per un numero di spettatori di 3.353.000. A seguire, troviamo la prima serata di Rai Due, dove il film Il vento del perdono, con Robert Redford e Jennifer Lopez, ha appassionato ben 2.493.000 spettatori, facendo uno share dell’ 8.44%. Subito dopo troviamo la prima serata di Italia 1, dove il programma Mistero è stato visto da 2.093.000 spettatori arrivando a una percentuale dell’8.84% di share (11.04% sul target commerciale). A seguire, la prima serata di Rete 4, che ha mandato in onda il film Miami Supercops, interpretato dalla storica coppia Bud Spencer e Terence Hill, e che è stato seguito da 1.971.000 spettatori, per un bel 7.22% di share. Infine, su La 7, è andato in onda il consueto appuntamento con Le invasioni barbariche, condotto da Daria Bignardi, che ieri sera ha ospitato Mario Monti e che è stato seguito da una media di spettatori pari a 1.319.000, per uno share del 5.51%.

Per quanto riguarda la seconda serata, in prima posizione si piazza Rai Uno, dove il talk show di Bruno Vespa, Porta a Porta, ha ottenuto un numero di spettatori pari a 1.861.000 nell’anteprima, con uno share dell’ 8.45%, e 1.544.000 spettatori, e uno share del 13.72%, nel programma vero e proprio. A seguire, troviamo Rai Tre, dove il programma di Fabio Volo, Volo in diretta, giunto alla sua ultima puntata, è stato visto da 740.000 spettatori, facendo registrare una percentuale di share del 5.35%. Sull’ultimo gradino del podio troviamo Rai Due, dove il film di Zhang Yimou – La Città Proibita, è stato seguito da 651.000 telespettatori, ottenendo così uno share del 5.73%.
A seguire, su Italia 1, dove la serie tv The Vampire Diaries è stata seguita da 519.000 spettatori, totalizzando uno share del 7.77%. Subito dopo troviamo la seconda serata di Canale 5, dove l’appuntamento con Italia Domanda è stato visto da 516.000 spettatori per uno share del 5.38%. Infine, la seconda serata di La 7, con il programma Omnibus notte, ha interessato 166.000 spettatori per uno share del 2.63%.

Infine, nella fascia access Prime Time, in prima posizione troviamo il tg satirico Striscia la notizia di Antonio Ricci, che ha ottenuto un numero di 5.655.000 spettatori, facendo un 18.38% di share (20.03% sul pubblico attivo). Al secondo posto si piazza l’access prime time di Rai Tre, dove Blob, il programma satirico di Enrico Ghezzi, ha ottenuto 1.585.000 spettatori, facendo uno share del 5.96%, seguito da Comiche all’italiana, con 2.047.000 spettatori e uno share del 7.24%, e infine dalla soap Un posto al sole, che ha siglato uno share dell’9.71% con un numero di 2.649.000 telespettatori. In terza posizione troviamo Italia 1, dove il doppio episodio di CSI: Scena del crimine ha appassionato 1.860.000 spettatori arrivando a una percentuale di share del 6.24%.
Infine, fuori dal podio troviamo Rete 4, con Walker Texas Ranger, che è stato visto da 1.627.000 spettatori e ha fatto uno share del 5.32%, seguito da Rai Due, dove l’amichevole Under 21 Italia- Germania è stata vista da 1.504.000 spettatori ottenendo così il 6.8% di share, e infine da La 7, dove la rubrica condotta da Lilli Gruber, Otto e mezzo, è stata vista da 1.483.000 spettatori ottenendo il 4.87% di share.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori