ASCOLTI TV/ Non è mai troppo tardi chiude con il 24,42% di share. 25 febbraio 2014

- La Redazione

Martedì 25 febbraio 2014 su Rai Uno la seconda e ultima parte della miniserie “Non è mai troppo tardi” ha conquistato 6.812.000 spettatori pari al 24.42% di share

non-e-mai-troppo-tardi-r439
Non è mai troppo tardi

Anche ieri sera le varie emittenti televisive italiane si sono fronteggiate sul ring degli ascolti televisivi, contendendosi il titolo di programma più visto della serata. La vittoria è stata conseguita da Rai Uno, che ha trasmesso la seconda parte della fiction “Non è mai troppo tardi”, riguardante la storia del maestro Alberto Manzi, interpretato da Claudio Santamaria. La miniserie, che ha permesso a molti italiani di fare un tuffo nel passato, è stata seguita da 6.812.000 telespettatori, per uno share del 24,42%. Al secondo posto si piazza, su Canale 5, “Benvenuti al Nord”, film che, insieme al prequel Benvenuti al Sud, dopo il successo ottenuto già quando era ancora proiettato nelle sale cinematografiche, riesce a tenere incollati agli schermi televisivi un pubblico sempre numeroso. Ieri si sono lasciati deliziare dalla simpatia di Claudio Bisio e Alessandro Siani 5.140.000 telespettatori, per uno share del 19,55%. Discreto successo è stato ottenuto anche dalla puntata di “Ballarò”, in onda su Rai Tre, che si è concentrato sul neo governo Renzi dopo la fiducia ottenuta ieri. Il programma condotto da Giovanni Floris, che ha visto una inedita Virginia Raffaele nei panni di Francesca Pascale, compagna di Silvio Berlusconi, accompagnata da un barboncino molto simile al suo Dudù, ha registrato 2.432.000 telespettatori, per uno share dell’8,15% durante l’anteprima 3.153.000 telespettatori, per uno share dell’11,91% nel programma vero e proprio. Seguono Rai Due e Italia 1, che si sono contesi il quarto posto nella classifica dei programmi più seguiti. Per qualche migliaio di spettatori ha prevalso la rete Rai che, trasmettendo il film con Anne Hathaway e Julie Andrews “Pretty Pricess”, è stata preferita da 1.581.000 telespettatori, per uno share del 5,69%. La pellicola diretta da Michael Haneke con Naomi Watts, Tim Roth e Michael Pitt, “Funny Games – Possiamo iniziare?”, remake dell’omonimo film austriaco, è stato seguito da 1.202.000 telespettatori, per uno share del 4,46%. Rete 4, invece, ha proposto il film “Don Camillo e l’Onorevole Peppone”, che ha ottenuto dei dati di ascolto pari a 1.156.000 telespettatori, per uno share del 4,3%. A concludere i numeri relativi alla prima serata troviamo La7, che ha trasmesso una puntata di “Linea Gialla”, il programma di approfondimento condotto da Salvo Sottile. I telespettatori che hanno scelto questa rete sono stati 697.000 per uno share del 2,33% nella presentazione e 487.000, per uno share del 2,30%, durante il programma.

Anche in seconda serata, la notizia politica che ha dominato le scene è stata la fiducia a Renzi. L’argomento affrontato a “Porta a Porta”, su Rai Uno, è stato, infatti, proprio quello della nascita del nuovo governo. Il programma di Bruno Vespa è stato seguito da un pubblico di 2.368.000 telespettatori, per uno share del 12,02% nell’anteprima e di 1.365.000 telespettatori, per uno share del 15,46% durante il programma vero e proprio. Su Rai Tre risultati molto soddisfacenti sono stati riportati da “Gazebo”, il programma condotto da Diego Bianchi, in arte Zoro, che racconta in maniera piuttosto ironica e pungente le vicende della politica italiana. Il pubblico di Rai Tre ha contato 1.252.000 telespettatori, per uno share del 9,58%. Rai Due ha proposto “2Next – Economia e futuro”, condotto da Annalisa Bruchi che ieri sera ha ospitato il ministro Beatrice Lorenzin e il giornalista Sergio Rizzo. La rete ha registrato uno share del 3,30%, essendo stato preferito da 387.000 telespettatori.Sul fronte Mediaset, Canale 5 ha cercato di attirare gli spettatori trasmettendo la replica de “I segreti di Borgo Larici”, con Giulio Berruti e Serena Iansiti, che ha ottenuto un ascolto netto di 823.000 telespettatori, riportando uno share del 9,55%. La seconda serata di Italia 1, invece, ha previsto la trasmissione dello storico film di Stanley Kubrik, “Arancia meccanica”, con Malcom McDowell, Patrick Magee e Michael Tarn. La pellicola del 1971 ha colpito 500.000 telespettatori, riportando uno share del 6,79%. Su La7 è andato in onda lo spazio dedicato all’informazione di Tg La7 Night Desk, che ha interessato 143.000 telespettatori per uno share del 2,64%.

In access prime time, dopo la pausa dovuta al Festival di Sanremo, è tornato in onda regolarmente, a partire dalla scorsa domenica, il consueto appuntamento con “Affari Tuoi”. Il programma dei pacchi di Rai Uno, condotto da Flavio Insinna, è stato seguito, ieri sera, da un pubblico di 5.856.000 telespettatori, per uno share del 19,96%. Per contrastarlo, su Canale 5, è stato trasmesso il tg satirico nato da un’idea di Antonio Ricci, “Striscia la notizia”. Il programma, condotto da Ezio Greggio ed Enzo Iacchetti, ha sopraffatto la concorrenza superando la prima rete Rai di circa 100.000 telespettatori. I dati registrati da Canale 5, infatti, sono stati pari a 5.998.000 telespettatori, per uno share del 20,32%. La terza rete Rai ha proposto i tradizionali appuntamenti con “Blob”, “Sconosciuti” e Un posto al sole”. Il primo ha registrato 1.448.000 telespettatori, per uno share del 5,59%. Il secondo, che racconta le storie della gente comune, da cui deriva il titolo, è stato seguito da 1.230.000 telespettatori, per uno share del 4,51%. L’appuntamento con la storica soap opera napoletana, invece, ha interessato 2.253.000 appassionati, riportando uno share del 7,76%. Sulle altri reti Mediaset sono stati proposti un episodio in replica di “CSI: Scena del crimine”, su Italia 1, e una puntata di “Tempesta d’amore”, su Rete 4. I dati registrati sono stati rispettivamente di 1.397.000 telespettatori, per uno share del 4,88% e di 1.416.000 telespettatori per uno share del 4,82%. Su La7, la puntata di “Otto e mezzo”, condotto da Lilli Gruber, è stata seguita da 2.005.000 telespettatori, per uno share del 6,88%.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori