ASCOLTI TV/ Vince Si può fare con il 18,63% di share. 23 maggio 2014

- La Redazione

Gli ascolti tv di ieri sera venerdì 23 maggio hanno visto trionfare il programma di Rai Uno Si può fare, ecco a seguire tutti gli altri ascolti con l’incredibile risultato di Crozza

telecomando_R439
InfoPhoto

Gli “exit-poll” degli ascolti di ieri, per usare un termine elettorale, viste le ormai vicinissime elezioni europee, davano come nettamente favorita per la vittoria la prima rete pubblica ed effettivamente quanto pronosticato si è verificato. “Si può fare” si è infatti confermato un ottimo investimento, riuscendo a relegare nei posti successivi al primo tutti i programmi concorrenti, a cominciare dalla soap messa in campo da Canale 5. Tra i numeri interessanti va messo l’accento sul buon risultato di Crozza e dell’ultimo appuntamento con il suo show su La7, che è stato in grado di mettersi dietro sia “Colorado”, suo concorrente diretto, sia tutte le altre contromosse messe in campo dalle altre emittenti non citate in questa introduzione.

Quattro milioni e 240 mila persone hanno pensato che la proposta migliore fosse quella messa in campo da Rai Uno. In questo modo “Si può fare” ha vinto la competizione con le altre trasmissioni e ha inoltre fatto giungere lo share al 18,63%.

Tre milioni e 217 mila sono invece coloro che hanno girat” e si sono fermati sulla prima emittente Mediaset pur non di non perdersi “Il tempo del coraggio e dell’amore”. Lo share è stato del 13,37%.

Quindi troviamo quella che, in proporzione, si può anche vedere come l’emittente realmente vincitrice della serata, ovvero La7. Si, perché 2 milioni e 581 mila persone per l’arrivederci alla prossima stagione di “Crozza nel paese delle meraviglie” costituiscono, insieme al 10,21% di share, un ottimo riscontro numerico.

Nettamente sconfitto è stato “Colorado”; anch’esso ai titoli di coda per questa stagione. Un milione e 841 mila sono le persone che hanno preferito Italia Uno. Lo share di questo appuntamento conclusivo è stato del 9,02%.

Un milione e 709 mila persone sono invece un esito più che soddisfacente per Rete 4 e il suo “Quarto Grado”. Lo share per il programma, anch’esso giunto all’arrivederci, è stato dell’8,26%.

Gli ultimi “slot” sono occupati da Rai Due e Rai Tre. La seconda si è dovuta far bastare di 1 milione e 177 mila persone e di uno share del 4,84%, mentre la terza si è addirittura fermata a 541 mila persone e ad uno share del 2,13%. Questi risultati sono stati raggiunti con “Brancaccio” e con “Conferenze Stampa delle Europee 2014”. Va segnalato, per precisione di cronaca, che i dati della terza rete sono netti, sia per quanto concerne le persone che l’hanno preferita rispetto alle altre emittenti, sia relativamente allo share.

Nelle ore immediatamente seguenti a primeggiare è stata Canale 5, che con 939 mila persone che l’hanno scelta e uno share del 5,97% ha fatto suo il primo posto. Il merito è stato di “Supercinema”.

La più che buona serata della rete di Cairo è andata avanti con i 785 mila che hanno scelto “Bersaglio Mobile”. Mentana ha portato alla rete uno share del 4,46%.

Quindi troviamo Rai Uno, che si è ritagliata uno spazio uguale a 749 mila persone interessate ed uno share del 9,13% con “Tv7”.

La terza rete pubblica si è invece parzialmente ripresa rispetto al “prime time”. Questo è avvenuto grazie a “La tredicesima ora” e ai 571 mila che l’hanno scelta. Lo share è stato del 3,43%.

428 mila sono invece le persone che si sono recate al “Chiambretti Supermarket” e che hanno così dato una mano a portare lo share di Italia Uno al 6,82%.

Infine, vi sono 358 mila e 356 mila persone che hanno scelto “The Voice of Italy”, di cui Rai Due ha messo in onda la replica, e “Safe Harbour”, pellicola messa in campo dalla terza rete Mediaset. Lo share è stato però più alto per ques’ultima, visto che parliamo di un 7,17% a fronte di un 4,93% della prima.

Riportando l’attenzione ai momenti precedenti l’inizio della prima fascia oraria che siamo soliti mettere sotto la nostra lente d’ingrandimento, possiamo vedere come Rai Uno abbia si vinto ancora, ma anche constatare il fatto che il suo primeggiare non è stato schiacciante.

Quattro milioni e 836 mila persone ed un 20.27% di share. Questo l’esito di ieri per “Affari Tuoi”, esito che ha portato la prima emittente statale a battere tutte le concorrenti.

La prima emittente Mediaset può ad ogni buon conto sorridere, in quanto 4 milioni e 765 mila persone per “Striscia la notizia” sono un ottimo “bottino”. Identico discorso si può fare per lo share, perché siamo dinanzi ad un 19,69%.

Terza, ma ancora in flessione, è Rai Tre. 1 milione e 874 mila persone sono infatti il risultato di “Un posto al sole”. Lo share, invece, è in rialzo, essendo giunto ad un 8,08%.

La rete di Cairo ieri ha “messo in cascina”, come detto, ottimi esiti numerici, e la serata è partita bene fin da “Otto e mezzo”.1 milione e 783 mila persone e un 7,52% di share sono infatti l’esito di ieri per Lilli Gruber e l’emittente.

Quindi, come spesso in precedenza, troviamo vicine “CSI: Scena del Crimine” e “Tempesta d’amore”. 1 milione e 290 mila persone sono quelle che han scelto Italia Uno, 1 milione e 237 mila quelle che, al contrario, hanno preferito la “soap”. Lo share è stato del 5,67% per Italia Uno e del 5,25% per Rete 4.

Ultimo, con numeri più bassi se messi a confronto con il “boom” fatto segnare in queste ultime settimane, troviamo “LOL :-)” e, di conseguenza, Rai Due.

1 milione e 199 mila sono le persone che l’hanno preferito rispetto alle altre opzioni in campo, mentre lo share è stato del 4,87%.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori