CHE TEMPO CHE FA 2018/ Ospiti e diretta: Peppino di Capri, quasi-consuocero di Al Bano (11 Novembre)

- Stella Dibenedetto

Che tempo che fa, diretta e ospiti 11 novembre, Raiuno: Ennio Morricone, Giuseppe Tornatore, Elisa, Maurizio Costanzo e Paolo Gentiloni.

che tempo che fa 2018 640x300
Che tempo che fa 2018, Fabio Fazio e Luciana Littizzetto

CHE TEMPO CHE FA, DIRETTA E OSPITI

Lo spettacolo teatrale Nel nostro piccolo di Ale e Franz è ispirato a Gaber e Jannacci. Ma che meraviglia è questa? I due fanno un’improvvisata, e sono simili anche i toni. “Stiamo insieme da 24 anni. Ci siamo conosciuti in una squadra di teatro. Io [Ale] ho fatto persino un provino con Jannacci. Fui preso per un progetto che non andò mai in porto”. Ma fu comunque un onore. Peppino di Capri racconta una “strana” storia. “Stavi per diventare consuocero di Al Bano”, dice Fabio Fazio. In effetti è vero: Dario stava con Romina Junior. Peppino non si sofferma più di tanto. Piuttosto scherza sul collega, e Fabio gli rinfaccia una cosa: “Lui, dal punto di vista dei capelli, è giovanile”. Una volta glielo spiegò così: “Per lavorare all’estero è importante il capello nero”. [agg. di Rossella Pastore]

IL DUETTO DI FACCHINETTI

Il grande Peppino di Capri ha appena compiuto 60 anni… di carriera. Le immagini che seguono sono a dir poco nostalgiche. “Tu di champagne non ne puoi più”. “Non è vero, perché sono dei grandi momenti”. Caterina Balivo non apprezza la capigliatura di Marzullo: “Non è che sia proprio bellissima…”. “Cosa metterei nel suo cassetto? Una camicia bianca”. Per tutta risposta, lui dice di non essere bello, ma “interessante”. Come dargli torto. Ale del duo Ale e Franz, nel suo cassetto, ci mette “un sogno”. Azzeccatissima! Poco dopo tocca a Francesco Facchinetti. “Ha fatto l’oratorio, ha insegnato al catechismo e ha fatto sette anni di collegio vescovile”.  Orietta Berti scopre letteralmente gli altarini: sa proprio tutto, di Facchinetti. “Volevo diventare papa”. Ma poi ha finito per cantare con Pavarotti: “Lo proposi per scherzo alla casa discografica. Ai tempi ero al ‘top’, e mi presero sul serio”. Lello Arena racconta la sua associazione: “Si chiama i Figli del Deserto, motivo per cui ci stavano arrestando. Ma non siamo terroristi”. [agg. di Rossella Pastore]

IL MONOLOGO DELLA LITTIZZETTO

Luciana Littizzetto dà un consiglio agli sceneggiatori di Beautiful. “Non potete far sposare Ridge e Brooke in continuazione. E’ l’undicesima volta! Basta: fatelo rapire dagli alieni”. Poi ringrazia Matty ed Ely (Matteo Salvini ed Elisa Isoardi) che le hanno dato tanto materiale per il monologo. Si fa presto a fare ironia: da Gio Evan (“che sembra il cugino di Caparezza”) alla foto ai limiti dell'”hot”, Lucianina si diverte un sacco. Non manca il riferimento a un’altra coppia dello spettacolo: Asia Argento e Fabrizio Corona. “In confronto Morgan era un chierichetto”. Si torna a Matty, questa volta rispetto a Gigi (Di Maio). Xi Jinping è il “pomo della discordia”. Di Maio l’ha chiamato “Ping”, che è come se avessero chiamato lui “Miao”. Xi si pronuncia “sì”. Della serie: “Signor Sì!”. L’ultimo tema è l’hyperloop, il treno ultraveloce di Elon Musk. “Vorrei parlare di quelli che abbiamo in Italia. Avete mai fatto caso alle ‘cause’ dei ritardi? Alcune sono veramente assurde”. E via all’elenco, comprensivo di qualche licenza “alla Littizzetto”. [agg. di Rossella Pastore]

L’ARRIVO A SORPRESA DI MARIA DE FILIPPI

Maurizio Costanzo spiega Il tritolo e le rose, il libro che ripercorre vita vissuta, attentati e… amore. Si inizia parlando del “tritolo”. L’attentato di via Fauro è un ricordo ancora vivo: “Grazie di aver mandato l’immagine di Falcone. Poi hai mandato un’altra clip interessante, quella sulla Madonia, che è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso”. Le conseguenze, per grazia di Dio, non furono tragiche. “Se fosse morto qualcuno avrei lasciato la televisione. Non avrei sopportato l’idea che, per il mio lavoro, un estraneo innocente avesse perso la vita”. Si chiude con una battuta: “Sono come i Pooh, un longseller. Ogni cinque minuti dicono ‘ci lasciamo’, poi fanno una reunion ed è tutto come prima”. Lui è così. Con un’unica differenza: “Non devo chiedere niente a nessuno. Basta che l’editore accenda la telecamera su di me, e io inizio a parlare”. L’unica legge per non invecchiare sia quella di continuare a lavorare. “Non c’è nient’altro che questo”, dice saggio Costanzo. Dopo il tritolo vengono le rose: “Capii subito che dovevo sposare Maria. La prima parola che gli dissi, però, non fu molto elegante: ‘Spostati'”. Alla fine arriva anche lei: “C’è Maria in casa? La possiamo chiamare?”. Il bello della diretta (e del collegamento). [agg. di Rossella Pastore]

SALVINI VS MONTI

Per Paolo Gentiloni, Salvini si culla sugli allori di Minniti. Non solo: “Fa propaganda sulla pelle di cento poveracci”. Per tornare a vincere, il Pd dovrebbe fare alleanze. Lo ha detto lui stesso qualche mese fa. Perché, allora, coi 5 Stelle non è andata bene? “L’accordo non era proprio possibile. Mi rivolgo al Governo per dirgli di correggere questa manovra economica. Il problema non è cedere ai diktat europei”. Non si tratta, insomma, di una sfida a due tra Italia e Bruxelles. “Penso che questo Governo sia un pericolo per il nostro Paese. Se cadesse, tirerei un sospiro di sollievo”. E’ il degno parere di un esponente dell’opposizione. Che tutto sommato è democratico: “Mi auguro di sbagliare”. Salvini ha una popolarità “da rockstar”, per Fabio Fazio. Risponde Gentiloni: “Mario Monti, a quattro-cinque mesi dal suo insediamento, vantava un livello di popolarità tale che Salvini se la sogna”. Finale: “Giocarsi l’Europa è pericoloso per il mondo e per l’Italia”. [agg. di Rossella Pastore]

CASALINO SI DIFENDE

A Che tempo che fa, c’è Rocco Casalino in collegamento. Fabio Fazio manda la clip incriminata, la lezione di giornalismo in cui fa un’arringa alla classe. “Spieghiamo: quella era una simulazione d’intervista. Mi avevano chiesto di interpretare un personaggio, ‘provocare’ i ragazzi a fini didattici”. Poi entra nel merito del filmato: “Io non l’ho visto, mi avrebbe urtato. Ma non ho nessun problema a chiedere scusa”. E via al racconto: “Sono un omosessuale, la mia vita non è stata facile. Quand’ero piccolo la mia famiglia emigrò in Germania: anche lì venni discriminato”. Come la pensano, invece, i ministri e il Presidente del Consiglio? “Io sono cambiato. Loro mi conoscono personalmente, e sanno che quelle uscite non mi rappresentano”. Gli stessi esponenti del MoVimento si sono resi protagonisti di uscite infelici. Dopo l’assoluzione del sindaco Raggi, Di Battista ha usato parole forti: “I giornalisti sono put*ane”. Lo stesso Casalino è un giornalista: “La politica ci ha abituato a un linguaggio forte. Non sono un politico, ma dal punto di vista comunicativo serve, ‘funziona’”. [agg. di Rossella Pastore]

CARLO COTTARELLI E L’EUROPA

Luciana Littizzetto fa subito un appello. “In Rai, a Milano, abbiamo un problema grandissimo: le zanzare in camerino. Ci sono zanzare e cimici. Ma a cosa servono?”. A fare questo inizio a Che tempo che fa, probabilmente. Segue l’entrata in scena di Carlo Cottarelli. Il primo capitolo è la risposta della Commissione europea. Che attende ancora: “Questo bilancio non è piaciuto. Sono rimasti due giorni; vediamo cosa farà il Governo italiano”. Il deficit pubblico, intanto, cresce. La previsione di crescita è relativamente positiva, e contrasta evidentemente col dato in perdita. A proposito di Fondo monetario, si è parlato di “rischi di contagio”. Il virus influenzale si propaga verso l’Ue; ma cosa vuol dire? “Se l’Italia fa male, probabilmente faranno male anche i Paesi a essa assimilabili”. Non tutte le forme di evasione comportano un reato. Che cosa si aspetta che accada? “Continuo ad aspettarmi che lo spread rimanga stabile. Le procedure da intraprendere? Bisogna prima vedere le mosse della Commissione”. [agg. di Rossella Pastore]

“CONVERSAZIONE” CON ENNIO MORRICONE

La diatriba tra Quentin Tarantino ed Ennio Morricone continua. Stasera, probabilmente, se ne parlerà a Che tempo che fa. Nel volume Conversazione (edito HarperCollins), Giuseppe Tornatore dialoga a lungo con il maestro. Molto dibattuta la recente dichiarazione di Tarantino: “‘Morricone è come Mozart, come Schubert’. Cos’hai pensato?”. Risposta: “Penso che sia stato generoso, e che probabilmente nemmeno lui credeva a ciò che diceva. Però aggiungo che il giudizio su qualsiasi artista, e non parlo solo di compositori, puoi darlo davvero solo dopo la sua morte, dopo lo studio attento delle sue partiture, dei suoi quadri o delle sue sculture. Non puoi valutarlo subito. A volte qualcosa ci entusiasma, ma poi ci ripensiamo, ci correggiamo. Le sue parole un po’ mi hanno fatto piacere, un po’ mi hanno anche dato l’impressione che stesse prendendomi per i fondelli, forse con l’obiettivo di creare pubblicità attorno al film. Non credo a giudizi simili, sono adulazioni. Quando ero giovane e mi dicevano bravissimo, mi scocciava molto. Adesso sto zitto e mi dico: e se fosse sincero?”. [agg. di Rossella Pastore]

L’EX PREMIER CONTESTATO

Piovono critiche sul profilo social di Che tempo che fa, dove alcuni utenti contestano al programma di mantenere una chiara linea politica. A scatenare le ultime proteste è stato l’annuncio della presenza di Paolo Gentiloni, che questa sera raggiungerà il talk show di Fabio Fazio per presentare il suo libro dal titolo “La sfida impopulista”. “Trasmissione da chiudere al più presto, presentatore indegno”, si legge sulla pagina ufficiale del programma, e ancora: “usiamo in tanti il telecomando, comunque si passa su questa pagina anche per esprimere un dissenso o è fatta solo per chi se la canta e la suona?”. Immediata la replica della fan page, supportata dalle parole dei tanti che continuano ad apprezzare la linea adottata dal programma di Rai 1: “Che tempo che fa speriamo che questa cultura del oscurantismo non tocchi il vostro/nostro programma, altrimenti davvero porto la tv in cantina! Grazie per la vostra onesta informazione!”. (Agg. di Fabiola Iuliano)

ENNIO MORRICONE E GIUSEPPE TORNATORE

A Che tempo che fa spazio al mondo del cinema con i due premi Oscar Ennio Morricone, che ha da poco compiuto 90 anni, e Giuseppe Tornatore. I due artisti ripercorreranno le loro straordinarie carriere nel salotto di Fabio Fazio, dove sveleranno dettagli inediti sul loro percorso e qualche piccola anteprima sui solo progetti futuri. Nelle ultime ore, Ennio Morricone ha smentito alcune dichiarazioni a lui attribuite da un giornalista tedesco, secondo il quale avrebbe definito Quentin Tarantino come un “cretino”. Intervistato da Repubblica, il premio Oscar ha smentito quanto riportato dall’edizione tedesca di Playboy, dove sarebbe stata pubblicata un’intervista “completamente inventata”. “Darò mandato ai miei avvocati di denunciare la rivista e il giornalista (…) Stamattina mi ha chiamato per informarmi di questa vicenda il mio amico Giuseppe Tornatore, ma sono letteralmente caduto dalle nuvole”, conferma Ennio Morricone. Di questo e di tanto altro si parlerà questa sera nel talk show di Rai 1, dove il noto compositore, in compagnia di Giuseppe Tornatore, potrà dire la sua sulla vicenda. (Agg. di Fabiola Iuliano)

MAURIZIO COSTANZO IN COLLEGAMENTO

A partire dalle 20.35 di oggi, domenica 11 novembre 2018, andrà in onda sulla rete ammiraglia di Casa Rai, la nuova puntata con “Che tempo che fa”, il talk show condotto da Fabio Fazio. Tanti gli ospiti che interveranno e tra questi, anche due maestri: Ennio Morricone e Giuseppe Tornatore. In occasione del compleanno del Maestro Morricone (90 anni compiuti ieri, sabato 10 novembre) e del trentesimo anniversario di Nuovo Cinema Paradiso di Tornatore, i due Premi Oscar – di cui è appena uscito il libro “Ennio. Un maestro. Conversazione” per le edizioni HarperCollins – si racconteranno nello studio del conduttore. Maurizio Costanzo sarà ospite in collegamento, per parlare del suo 80esimo compleanno e del libro in uscita dal 13 novembre dal titolo “Il tritolo e le rose”, dove ripercorre gli anni Novanta attraverso i suoi protagonisti ed eventi personali. Alla scrivania di Che Tempo Che Fa troveremo Paolo Gentiloni, ex Presidente del Consiglio, dal 13 novembre nelle librerie con “La sfida impopulista”. In studio per emozionare il pubblico con la sua musica, anche Elisa con il singolo “Se piovesse il tuo nome”. Spazio per Carlo Cottarelli e il tavolo con Ale & Franz, Caterina Balivo e Peppino Di Capri. Naturalmente non mancheranno anche stasera, Luciana Littizzetto e Filippa Lagerback. (Aggiornamento di Valentina Gambino)

LE ANTICIPAZIONI

Che tempo che fa torna in onda oggi, domenica 11 novembre, alle 20.35 su Raiuno. Fabio Fazio, affiancato da Filippa Lagerback e Luciana Littizzetto, accoglie tanti personaggi del mondo dello spettacolo, della musica e della politica. I primi grandi ospiti che siederanno alla scivania di Che tempo che fa saranno due maestri della musica italiana ovvero Ennio Morricone e Giuseppe Tornatore. In occasione del compleanno del Maestro Morricone che ha compiuto 90 anni il 10 novembre e del trentesimo anniversario da Cinema Paradiso, i due Premi Oscar si racconteranno nello studio di Fabio Fazio.

TUTTI GLI OSPITI DELL’11 NOVEMBRE

Non solo musica nel nuovo appuntamento con Che tempo che fa. In collegamento ci sarà Maurizio Costanzo, padre del talk show italiano e che ha da poco compiuto 80 anni. Il marito di Maria De Filippi “Il tritolo e le rose”, libro che ripercorre gli anni novanta attraverso i suoi protagonisti e avvenimenti personali e non solo e che sarà nelle librerie dal 13 novembre. E ancora Paolo Gentiloni per lo spazio dedicato alla politica mentre per gli amanti della musica ci sarà uno dei nomi femminili più importanti del panorama italiano ovvero Elisa con il brano “Se piovesse il tuo nome”. Infine, anche nell’appuntamento odierno ci sarà il consueto commento di Carlo Cottarelli, Direttore dell’Osservatorio sui Conti Pubblici Italiani.

IL TAVOLO DI CHE TEMPO CHE FA

Al tavolo di Che tempo che fa siederanno Ale & Franz, in tour nei teatri con lo spettacolo “Nel nostro piccolo”; la conduttrice del programma pomeridiano di Raiuno “Vieni da me” ovvero Caterina Balivo e Peppino Di Capri, autore di brani che hanno fatto la storia della musica italiana come Champagne e Roberta. E ancora Francesco Facchinetti e il campione Marco Lodadio che lo scorso 2 novembre ha vinto la medaglia di bronzo agli anelli ai Mondiali di ginnastica artistica di Doha.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA