Cherofobia, cos’è?/ L’inedito di Martina Attili, X Factor 2018: la paura di essere felici, ecco perché

- Valentina Gambino

Cos’è la cherofobia? La canzone di Martina Attili è già un successo, mentre la canta con trasporto e passione durante la nuova edizione di X Factor 2018.

martina attili cherofobia 640x300
Cos’è la cherofobia?

Cos’è la cherofobia? La canzone di Martina Attili è già un successo, mentre la canta con trasporto e passione durante la nuova edizione di X Factor 2018. Dopo la pubblicazione del suo inedito, in pochi giorni è finito in classifica e questo, ha scatenato una certa curiosità per scoprire di cosa realmente stesse parlando. La giovane cantante, sembra conoscere molto bene questo termine, tanto da usarlo alla perfezione nel testo della canzone che ha anche scritto. Questa è una parola che deriva dal greco antico e si forma dalle parole chairo “rallegrarsi, essere felici” e dal termine phobia che indica invece la “paura”. In sintesi, il termine cherofobia indica la paura di essere felici. L’individuo che ne soffre quindi, evita in ogni modo tutte le situazioni che lo possono in qualche modo rallegrare, proprio per evitare che la paura possa prendere il sopravvento. La giovane cantante di X factor nella prima strofa canta: “Come te la spiego la paura di essere felici” offrendo subito, la sua definizione.

Cos’è la cherofobia?

La cherofobia è la paura di essere felici. Spesso questa problematica nasce esclusivamente come forma di difesa. La persona che ne soffre è pienamente convinta che dopo un evento bello possa arrivarne immediatamente uno negativo. Per questo motivo, evita dal principio di essere gioioso. Per schivare il ricordo dei momenti belli, si cerca quindi di evitarli alla base. Chi ne soffre solitamente, crede che le persone possano diventare cattive per merito della felicità, come se la stessa fosse un male in quanto effimera. La fobia in generale, è una paura forte e incontenibile, che risulta ben chiara a chi ne è affetto, ma che difficilmente può venire controllata. Questo tipo di problematica porta chi ne soffre ad evitare le relazioni sociali, cercando di non entrare in contatto con le persone che potrebbero modificare i propri sentimenti. Il cherofobico però, non è triste o depresso, ma ha creato attorno a sé una sorta di protezione. Martina Attili soffre quindi di cherofobia? All’apparenza no ma è certo che ha comunque sviluppato una certa consapevolezza in merito.



© RIPRODUZIONE RISERVATA