RICCARDO COCCIANTE/ “Contribuirò alla ricostruzione di Notre-Dame” (Che tempo che fa)

- Rossella Pastore

Riccardo Cocciante lancia la nuova tournée di Notre-Dame de Paris, il musical con cui contribuirà alla ricostruzione della cattedrale.

Riccardo Cocciante al pianoforte
Riccardo Cocciante al pianoforte
Pubblicità

Per Riccardo Cocciante, l’incendio a Notre-Dame è stato uno choc: “La cattedrale ha un valore storico inestimabile”, ha dichiarato all’Ansa il giorno dopo la notizia, “un patrimonio universale da oltre 800 anni, sopravvissuto a rivoluzioni e guerre. Ieri sera è stato difficile credere a quello che stavo vedendo. Immagini completamente surreali”. Oggi Cocciante sarà ospite a Che tempo che fa, per spiegare – tra le altre cose – anche l’iniziativa della raccolta fondi. L’intenzione è quella di contribuire, nel suo piccolo, alla ricostruzione: “Per me Notre-Dame de Paris ha un valore doppiamente inestimabile. Grazie a Victor Hugo, a questa storia che vive nelle sue pietre, ho avuto il privilegio di darle una voce, iniziando una seconda carriera come compositore di opere popolari. Con la produzione [dello show Notre-Dame de Paris] stiamo decidendo come dare il nostro dovuto contributo alla Fondazione della Cattedrale”.

Pubblicità

Riccardo Cocciante: in tour con Notre-Dame de Paris

Notre-Dame de Paris è un luogo importante per Riccardo Cocciante. Parte del suo successo la deve al musical omonimo, di cui ha composto tutti i brani. La nuova tournée partirà il 17 ottobre dal Teatro degli Arcimboldi di Milano (dove lo spettacolo è in programma anche il 19, 20, 22, 23, 24 , 25, 26 e 27 ottobre). Si prosegue il 22, 23 e 24 novembre all’Unipol Arena di Casalecchio di Reno, il 28, 29 e 30 novembre e 1 dicembre al Mandela Forum di Firenze, il 4, 5, 6, 7 e 8 dicembre al PalaPartenope di Napoli, l’11, 12, 13, 14 e 15 dicembre al PalaFlorio di Bari, il 20, 21 e 22 dicembre al PalaAlpitour di Torino e il 27, 28 e 29 dicembre al PalaLottomatica di Roma. Non si tratta dell’unico musical messo in scena da Cocciante: nel 2002 e nel 2006 toccò rispettivamente a Il piccolo principe di Antoine de Saint-Exupery e Giulietta e Romeo di William Shakespeare.

Pubblicità

Il “francese” Riccardo Cocciante

Se con Shakespeare debuttò all’Arena di Verona, per Il piccolo principe (Le petit prince) scelse la sua seconda patria, la Francia. Il legame con Parigi è un legame di sangue: Riccardo è francese per parte di madre, mentre suo padre è originario di Rocca di Mezzo (L’Aquila). Il cantautore nacque invece a Saigon, in Vietnam, il 20 febbraio 1946. A 11 anni emigrò a Roma per frequentare il Lycée Chateaubriand, dove ebbe modo di conoscere e approfondire la cultura d’oltralpe. La sua è una vera e propria “doppia identità”, che ha sempre coltivato con la sua attività artistica. In Francia è conosciuto con il nome di Richard Cocciante.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità