Sandra Milo/ “Ora sono rinata, ma ho pensato al suicidio, ho passato mesi terribili”

Sandra Milo ha aggiornato la sua situazione debitoria, ospite presso gli studi di Storie Italiane

Sandra Milo a Storie Italiane
Sandra Milo (Rai)

Sandra Milo è tornata ospite presso gli studi di Storie Italiane, programma di Rai Uno, per parlare della sua situazione debitoria con lo stato. L’agenzia delle entrate chiedeva alla nota attrice il pagamento di 800mila euro per alcuni redditi non dichiarati. Dopo una lunga lotta legale, alla fine la Milo è riuscita a sbloccare il pignoramento, rientrando quindi in possesso dei suoi guadagni: «Da oggi sono rinata – dice Sandra Milo a Eleonora Daniele – è tutto legale, non ci sono assolutamente favoritismi. E’ giusto che io abbia una visibilità per poter aiutare anche gli altri che sono nelle mie stesse condizioni. Perché sono rinata? Perchè mi hanno tolto il blocco su quello che guadagnavo, non ho più il pignoramento. Da oggi rinasco, sono di nuovo una lavoratrice che percepisce i suoi guadagni». Alla Milo è stata inoltre applicata la possibilità di rateizzare il pagamento dei suoi debiti, diluendo quindi in più tranche quanto dovuto allo stato.

SANDRA MILO A STORIE ITALIANE

«Tu dai la possibilità alla gente di parlare come è realmente la situazione – lo sfogo in lacrime di Sandra Milo alla Daniele – io ora sono un po’ più serena, e tu così facendo hai dato voce ad un sacco di gente che si trova nella mia stessa situazione. E’ stato terribile, ho passato mesi brutti, ho pensato anche di uccidermi, pensavo al mio futuro, al fatto che non potessi lasciare nulla a mio nipote. Lassù qualcuno mi ama e io sono una donna che non si arrende facilmente, ho scoperto un sacco di gente che mi vuole bene, che mi batte la mano sulla spalla, questo è amore». Quindi l’appello allo stato: «Cerchiamo di aiutare i cittadini, perché se non si pagano le tasse ci rimette anche lo stato». In studio giunge quindi anche Leopoldo Mastelloni, che ha passato una situazione molto simile a quella di Sandra Milo in passato: «Sono turbato vedendola piangere».



© RIPRODUZIONE RISERVATA