THE VOICE OF ITALY 2019/ Parte bene Simona Ventura, ottima complicità tra i coach

- Fabiola Iuliano

The Voice of Italy 2019 ha preso il via in una edizione tutta rinnovata. Al timone Simona Ventura. Le pagelle della prima puntata

The Voice of Italy ilSonico
The Voice of Italy 2019
Pubblicità

Una partenza ottima per Simona Ventura alla guida della nuova edizione di The Voice of Italy. Tra le cose che più sono piaciute al pubblico a casa c’è però il rapporto tra i quattro coach. Morgan, Gigi D’Alessio, Elettra Lamborghini e Gue Pequeno sono stati i grandi protagonisti della prima puntata e non solo in relazione alla musica. Tra loro una bellissima complicità, divertita e sincera, che è stata apprezzata dai telespettatori di Rai2. Come loro stessi hanno notato, il gruppo è particolarmente eterogeneo e rappresenta quattro visioni della musica differenti. Eppure è possibile dividere il gruppo in due “sottogruppi”: Elettra e Gue da una parte e Gigi con Morgan dall’altra. Uno scontro tra titani che è però anche un divertente momento per il pubblico a casa. Una partenza davvero positiva per lo show della Ventura. (Aggiornamento di Anna Montesano)

Pubblicità

Ottima partenza per la Ventura ma non la migliore…

Una serata noiosa ma che gli spettatori hanno mandato giù per parlare e sparlare del debutto di Simona Ventura e della sua giuria, tutto questo ha portato The Voice of Italya a registrare un buon debutto. Oltre l’11% di share e 2.435.000 spettatori, questo è quello che ha portato a casa la conduttrice ieri sera riuscendo addirittura a battere la fiction di Rai1 L’Aquila- Grandi Speranze ma arrivando seconda rispetto al boom di Barbara d’Urso e del suo Grande Fratello 2019. Ma cosa succederà adesso? Il programma ha registrato un rialzo di un punto rispetto alla scorsa edizione ma non è arrivato a sfiorare il record del 2016 quando si parti quasi con il 15% di share e su una delle poltrone rosse c’era lei, Raffaella Carrà. L’effetto Simona Ventura quindi c’è stato oppure no? Lo scopriremo con la seconda puntata quando l’effetto sorpresa sarà svanito e il famoso calo fisiologico potrebbe segnare il primo flop della conduttrice tornata in Rai. (Hedda Hopper)

Pubblicità

Commenti positivi ma…

Grande successo ieri sera sui social per The Voice of Italy 2019. Al centro dei commenti più in vista, soprattutto il ritorno in Rai di Simona Ventura, accolta con grande entusiasmo da numerosi telespettatori. “Che emozione rivedere Simona su Rai2 e sentirle urlare il nome della rete come ai bei tempi dell’isola. La regina è tornata”. Commentatissimo anche il ritorno in scena di Morgan, che in fatto di musica è un vero numero uno: “Morgan ha una proprietà di linguaggio e cultura musicale che riuscirebbe a convincermi che anche il Ballo del qua qua è un brano profondo #tvoi”, e ancora: “Io starei ore a sentire Morgan suonare, cantare, ma soprattutto parlare. Diamogli un programma, rimediamo a questa enorme mancanza “. E poi la rivelazione di questa edizione di The Voice, Elettra Lamborghini: “Elettra è totalmente diversa da ciò che sembra – scrive una follower su Twitter – È simpaticissima, persino trash, dolce e un sacco modesta. Mi piace troppo come coach, ha già vinto tutto. #TVOI”. (Agg. di Fabiola Iuliano)

I concorrenti top

Ottimo esordio per The Voice of Italy 2019, che prende il via con un’edizione tutta rinnovata. Alla conduzione troviamo una Simona Ventura in ottima forma, a suo agio in un programma solo in apparenza lontano dalle sue corde e perfetto per il suo ritorno in Rai. La conduttrice scandisce i tempi, si emoziona con i concorrenti, sussulta con i familiari dietro le quinte e trascina i quattro giudici della nuova edizione, anche se il parterre, nonostante i nomi celebri (Morgan, Elettra Lamborghini, Guè Pequeno e Gigi D’Alessio), nel complesso fa un po’ fatica a decollare. Presi uno alla volta, i quattro giudici danno invece il loro meglio, con Elettra Lamborghini (Voto 8) in cima alle classifiche di gradimento sui social, nonostante sia stata diverse volte accusata di non avere i titoli giusti per sedere sulla poltrona di un talent show. Non delude le aspettative il ritorno in pista di Morgan (Voto 8) e neanche quello di Guè Pequeno (voto 7), mentre Gigi D’Alessio, nel ruolo insolito di coach, sembra promettere grandi sorprese (Voto 8).

I primi talenti della nuova edizione

In una edizione tutta rinnovata nella conduzione e nella giuria, non potevano di certo mancare le novità: a The Voice of Italy 2019 Simona Ventura ha infatti annunciato che “tutti i talenti si presentano con una cover, ma a discrezione di un direttore artistico alcuni potranno presentarsi con un inedito”. Un’idea, ha aggiunto la conduttrice, che nasce dalla volontà di dare spazio ai veri talenti di questa stagione, dal momento che molti ragazzi “scrivono e tanti suonano uno strumento”. Ma quali sono stati i protagonisti più in vista della prima puntata in onda ieri sera? Fra tutti, non possiamo non ricordare lo stile trap delle due gemelle di origini albanesi, le Sindolls (Voto 9), due ragazze dallo stile unico e inconfondibile, che in un primo momento hanno mandato in tilt la giuria. “Siamo cantanti che fanno trap – hanno spiegato ai microfoni dello show – facciamo più generi. Vogliamo portare la nostra carica, l’innovazione, al nostra scrittura e la nostra sintonia!”. E a quanto apre ci sono riuscite: per loro si sono aperte le porte del tema di Guè Pequeno.

Da Stefano a Diablo: i concorrenti top

Tra i concorrenti più in vista della prima puntata di The Voice of Italy 2019 troviamo Stefano Colli (Voto 7), un cantante di 29 anni che ha conquistato un posto nel team di Gigi D’Alessio. Originario della provincia di Bologna, nella vita scrive pezzi e vive di musica, ma la sua nuova sfida ha preso il via proprio ieri sera nel popolare talent di Rai 2: “Ho iniziato studiando con la vocalist di Lucio Dalla – ha spiegato il concorrente – ho avuto la fortuna di conoscere Lucio di persona, è sempre qui”. Per lui i complimenti di Gigi D’Alessio, che senza alcuno sforzo è riuscito a portarlo nella sua squadra di talenti. Interessante anche la performance di Diablo, un concorrente che ha inizialmente incuriosito il parterre poiché, esibendosi sulle note di “Baby” (Voto 7), ha portato alcuni coach a pensare che nel suo live facesse uso dell’auto-tune. A equivoco chiarito, i direttori artistici si sono sfidati pur di accaparrarselo, ma alla fine, a causa dell’opzione di blocco che ha messo fuori gioco un più che interessato Gué Pequeno, ad avere la meglio è stato Morgan, che gli ha aperto le porte del suo team.

Porte aperte, ma non per tutti

Vi abbiamo già parlato di Alberto, il concorrente che nella prima puntata di The Voice of Italy 2019 ha terrorizzato il pubblico di Rai 2 con la sua voce definita a tratti “satanica” (Voto 8). Ma fra i tanti protagonisti degni di nota c’è anche Noemi (Voto 7), una cantante dai capelli azzurri, che ha fatto breccia nel cuore di Elettra Lamborghini. Non tutti, però, sono riusciti a ottenere un posto nelle formazioni dei quattro coach e per qualcuno le porte sono rimaste chiuse. Fra questi anche la giovanissima Giorgia, una concorrente campana piena di talento, che ha dovuto rinunciare al suo sogno nel cassetto. “La mia famiglia è formata da mia madre e me”, ha spiegato l’aspirante cantante ai microfoni del talent show. “La passione per la musica – ha aggiunto poco dopo – nasce grazie ai miei nonni, è sempre stata abitudine cantare con mio nonno. Principalmente – ha poi concluso – sto cercando un senso di libertà, di indipendenza, che possa essere solo mio. The Voice penso possa essere un punto di partenza, ma su quel palco vada come vada”. Di seguito, vi proponiamo il video delle Sindolls, due delle concorrenti più in vista della prima puntata.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità