Ciro Grillo torna su Instagram?/ Video del padre Beppe, ira web: giallo su account

- Emanuela Longo

Ciro Grillo ha fatto ritorno su Instagram? Postato video del padre Beppe: pioggia di critiche, ma spunta un giallo: è un profilo fake?

ciro grillo instagram 640x300
Ciro Grillo torna su Instagram?

Ciro Grillo, il figlio di Beppe Grillo accusato da una 19enne di essere stata stuprata da lui e da un gruppo di suoi amici in Costa Smeralda, ha fatto ritorno su Instagram nelle passate ore? Questo il dubbio che serpeggia, ripreso da alcuni quotidiani – da Il Messaggero ad AdnKronos – dopo la comparsa di un profilo social a nome di “ciruzzolohiil”, stesso nickname usato in passato dal giovane, prima di sparire dal radar. Sul presunto nuovo profilo sarebbe stato caricato solo un video, e precisamente quello postato nei giorni scorsi dal padre Beppe e che ha scatenato la polemica anche da parte del mondo politico.

Al momento il profilo in questione conta oltre 2600 utenti, e come scrive Il Messaggero riporta lo stesso nome del profilo chiuso dopo l’esplosione dello scandalo che lo vedrebbe coinvolto. Il filmato caricato è lo stesso postato dal fondatore M5s e nella didascalia si legge: “Giornalisti o giudici?”.

CIRO GRILLO TORNA SU INSTAGRAM? È GIALLO

L’unico post presente nel presunto profilo di Ciro Grillo su Instagram sarebbe stato però accompagnato da una pioggia di commenti critici. Oltre duemila le risposte delle ultime ore, perlopiù offese rivolte al giovane ma anche al padre. “Un’altra pagliacciata”, scrive qualcuno, ed ancora, “Buffone”, “Orrore”, “Povera ragazza”, e via dicendo. Eppure, come sottolinea proprio il quotidiano Il Messaggero, sulla veridicità del profilo ci sarebbe un piccolo giallo: si tratta davvero del figlio di Beppe Grillo oppure di un account fake? “La foto del profilo è infatti la stessa utilizzata da tutti i giornali in questi mesi e accompagna almeno un altro paio di profili Instagram, tra cui Ciro Grillo 29”, scrive in merito il quotidiano sollevando il dubbio e ponendosi una domanda: “Può un ragazzo al centro di tanto clamore scegliere proprio l’immagine che più lo identifica come accusato di molestie sessuali?”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA