ClasseViva, come funziona/ Scuole chiuse per Coronavirus? C’è la didattica a distanza

- Silvana Palazzo

ClasseViva, come funziona: la didattica a distanza ai tempi del Coronavirus. Le scuole sono chiuse, ma le lezioni proseguono grazie alle nuove tecnologie

computer phishing
(LaPresse)

Scuole chiuse per il Coronavirus, ma la didattica non si ferma, anzi prosegue a distanza. Lo permette ad esempio il registro ClasseViva, un software in dotazione in alcuni istituti scolastici, con il quale è possibile attivare anche modalità di didattica a distanza. In alcuni casi permette lezioni virtuali vere e proprie, in altri è un modo per non interrompere del tutto la continuità scolastica. Anche perché con lo stop per il Coronavirus, deciso nel weekend e quindi entrato in vigore direttamente dal lunedì, per i docenti non è stato possibile organizzare in qualche modo la pausa, non essendoci stati contatti con gli alunni. Questo strumento, che digitalizza il modo di fare istruzione, si è rivelato un ottimo strumento in questo momento delicato. Per gli insegnati ClasseViva rende più collaborativo e partecipativo il lavoro: si velocizzano alcune attività burocratiche quotidiane, si organizza la didattica, si interagisce con la classe e si sperimenta un modello di didattica cooperativa.

CLASSEVIVA, COME FUNZIONA LA DIDATTICA A DISTANZA

Ma ClasseViva è uno strumento importante anche per le famiglie, che così possono seguire il percorso dei figli. Ai tempi del Coronavirus possono seguire quotidianamente la vita della scuola, interagire con la scuola, venendo meno i contatti diretti. In generale garantisce trasparenza nell’attività didattica. I ragazzi comunque restano il centro della scuola, ma ClasseViva è utile anche per i dirigenti, che così possono interagire velocemente con i veri attori della Scuola. Come funziona ClasseViva concretamente? Non è solo un registro elettronico di classe: ogni docente ha a disposizione un proprio spazio per organizzare il suo materiale didattico in cartelle divise per materie e argomenti. Lì gli studenti trovano le lezioni e il materiale per svolgere compiti e ricerche. Può risultare utile in questi giorni il modulo Sportello Virtuale per avere dei colloqui con le famiglie. E mai come ora, in una fase in cui c’è bisogno di informazioni e chiarimenti, può essere utile: le famiglie possono prenotarlo tramite una semplice funzione.



© RIPRODUZIONE RISERVATA