CLASSIFICA MOTOGP/ Mondiale Piloti: Quartararo allunga, Pecco Bagnaia si riprende!

- Mauro Mantegazza

Classifica MotoGp: il Mondiale Piloti dopo il Gp Spagna 2022 a Jerez con Fabio Quartararo leader e capace di staccare Alex Rins, ora secondo è Aleix Espargaro mentre risale bene Bagnaia.

Quartararo MotoGp
Diretta Gp Olanda 2022 Assen: FP1 e FP2 venerdì 24 giugno (Foto LaPresse)

CLASSIFICA MOTOGP: QUARTARARO ALLUNGA!

La classifica MotoGp dopo il Gp Spagna 2022 incorona Fabio Quartararo: il Diablo perde il testa a testa con un Francesco Bagnaia che finalmente torna a vincere (e riparte alla grande, salendo a quota 56 punti in classifica) ma allunga in maniera sensibile sulla concorrenza. Intanto su Alex Rins, che termina fuori dalla zona punti: adesso Quartararo ha 89 punti contro i 69 del pilota Suzuki, ma secondo in classifica diventa Aleix Espargaro che conferma le ottime cose sue e dell’Aprilia e vola a 82 punti, dunque staccato di 17 lunghezze dal campione in carica che prova a imprimere il suo timbro sulla classifica MotoGp.

CLASDSIFICA MOTA Jerez nel GP Spagna 2022 fa molto bene anche Marc Marquez, che è quarto; il sei volte campione del mondo può dunque andare a 44 punti superando alcuni degli avversari, ma altri comunque sanno alzare la testa come per esempio Jack Miller quinto e Joan Mir che, grazie al sesto posto, si porta a 56 punti e scavalca Johann Zarco, uno dei grandi delusi nella giornata. Anche Enea Bastianini lo è: il Bestia non riesce proprio a trovare continuità nella sua stagione ed è soltanto ottavo, una posizione più su del rookie Marco Bezzecchi che, pur nono, può assolutamente dirsi soddisfatto della solidità della sua gara. (agg. di Claudio Franceschini)

FOCUS SUI COSTRUTTORI

Parlando della classifica MotoGp si pensa sempre al Mondiale Piloti, che nel Motomondiale è nettamente il più importante, ma bisogna ricordare che naturalmente esiste anche la classifica Costruttori, nella quale ogni Casa riceve punti pari a quelli del migliore piazzamento di un suo pilota ad ogni Gran Premio – per fare un esempio: se il migliore è quarto, 13 punti. La Ducati è al comando con ben 106 punti, ma fatica a trovare un centauro di riferimento: ci sono le due vittorie di Enea Bastianini, ma anche un secondo e un terzo posto di Johann Zarco e un secondo posto di Jorge Martin, mentre mancano clamorosamente entrambi i piloti ufficiali Francesco Bagnaia e Jack Miller.

La Ducati è comunque in fuga con un margine già importante sul gruppo inseguitore: ci sono poi KTM e Suzuki appaiate a quota 70 punti, la Yamaha con 69 punti e l’Aprilia a quota 67, mentre è staccata solamente la Honda, tristemente ultima con appena 45 punti. Da notare che tutti i punti della Yamaha sono stati portati da Fabio Quartararo, che di conseguenza è stato il migliore pilota della Casa giapponese in tutti i Gran Premi finora disputati… (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

LA CRISI DI BAGNAIA

Purtroppo è per il momento molto lontano dalle posizioni che contano nella classifica MotoGp il pilota che doveva essere la grande speranza italiana per la conquista del titolo iridato, cioè naturalmente Francesco Bagnaia. La buona notizia per Pecco è che nessuno finora è scappato, ma 38 punti di ritardo dalla coppia Quartararo-Rins cominciano ad essere tanti, soprattutto perché Bagnaia ne ha raccolti appena 31 in cinque gare, alla media praticamente di sei punti per ogni Gran Premio. L’inizio era stato a dir poco disastroso, con il ritiro in Qatar e il quindicesimo posto in Indonesia.

In seguito però  i due quinti posti in Argentina e negli Stati Uniti e l’ottavo posto in Portogallo non possono essere considerati una rinascita, perché Pecco continua ad essere troppo lontano dal podio. Certo, a Portimao ha saputo limitare i danni in una situazione che avrebbe potuto essere ben peggiore, ma adesso per Bagnaia sarà fondamentale cercare di cambiare ritmo al più presto possibile se vorrà davvero lottare per il Mondiale. La pole position timbrata sabato è già un bel segnale per Pecco, adesso vedremo però come andrà la gara… (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

VERSO IL GP SPAGNA 2022 A JEREZ

La classifica MotoGp ci conduce verso il Gp Spagna 2022: appuntamento fra i più tradizionali quello di Jerez de la Frontera, che sarà già il sesto di una stagione iniziata in modo particolare. Ciò che è più interessante in questo momento, regna ancora una certa confusione circa i rapporti di forza in questa classifica MotoGp che è ancora del tutto in divenire. Normale se pensiamo che fino a questo momento abbiamo vissuto cinque Gran Premi, ma comunque indicativa di quello che sta succedendo da almeno un paio di stagioni a questa parte, cioè da quando è finito (per varie vicissitudini) il dominio di Marc Marquez, che a Jerez de la Frontera sarà naturalmente il più atteso fra i centauri di casa.

In testa alla classifica del Mondiale Piloti della MotoGp troviamo una coppia, perché sono appaiati a quota 69 punti il campione del Mondo in carica Fabio Quartararo e lo spagnolo Alex Rins della Suzuki – per la precisione, è primo Quartararo che ha già ottenuto una vittoria a differenza di Rins, però con 14 Gran Premi ancora da disputare è decisamente presto per analizzare eventuali arrivi a pari merito. Quello che più conta è la regolarità di Rins da una parte, la riscossa di Quartararo a Portimao dall’altra, perché il francese in Portogallo ha ottenuto una vittoria davvero importante dopo una prima parte di stagione complicata, non solo per quanto riguarda la situazione nella classifica MotoGp.

CLASSIFICA MOTOGP: SITUAZIONE E CONTESTO

Questo Gran Premio di Spagna 2022 a Jerez sarà atteso anche perché le prime cinque gare della stagione hanno dato indicazioni discordanti e lanciato protagonisti inattesi nella classifica MotoGp: ad esempio l’Aprilia con Aleix Espargaro che ha raccolto 66 punti nelle prime tre gare, soprattutto grazie al grande exploit in Argentina, quando ha colto la sua prima vittoria partendo dalla pole position, altra prima volta per l’Aprilia in MotoGp. Adesso Espargaro è dietro di sole tre lunghezze alla coppia di testa, chissà se la casa di Noale potrà davvero coltivare ambizioni di giocarsi il titolo iridato in una stagione che, come detto, è finora indecifrabile.

I successi di Enea Bastianini in Qatar e poi ad Austin con la Ducati del Team Gresini Racing lo hanno lanciato a sua volta fra i protagonisti più attesi adesso nella classifica MotoGp, oltre che nettamente il migliore degli italiani, anche se la caduta di Portimao lo ha fatto scivolare in un sol colpo dal primo al quarto posto, ma comunque con soli otto punti di ritardo da Quartararo e Rins, una differenza che a questo punto della stagione naturalmente è davvero minima. Attenzione però a Fabio Quartararo: il campione in carica è tornato ai vertici e torna ad essere il primo favorito per il titolo.

CLASSIFICA MOTOGP

1. Fabio Quartararo (Yamaha) 89
2. Aleix Espargarò (Aprilia) 82
3. Alex Rins (Suzuki) 69
3. Enea Bastianini (Ducati) 69
5. Francesco Bagnaia (Ducati) 56
5. Joan Mir (Suzuki) 56
7. Johann Zarco (Ducati) 51
8. Brad Binder (KTM) 48
9. Marc Marquez (Honda) 44
10. Miguel Oliveira (KTM) 43
11. Jack Miller (Ducati) 42
12. Pol Espargarò (Honda) 35
13. Jorge Martin (Ducati) 28
14. Maverick Vinales (Aprilia) 27
15. Takaaki Nakagami (Honda) 21
16. Franco Morbidelli (Yamaha) 18
17. Alex Marquez (Honda) 16
18. Marco Bezzecchi (Ducati) 15
19. Luca Marini (Ducati) 14
20. Andrea Dovizioso (Yamaha) 8
21. Darryn Binder (Yamaha) 6
22. Remy Gardner (KTM) 3





© RIPRODUZIONE RISERVATA