CLAUDIO D’ALESSIO, EX COLF “PICCHIATA E SCHIAVIZZATA”/ Il figlio di Gigi a processo

- Anna Montesano

Claudio D’Alessio a processo: ex colf lo accusa di averla picchiata e ridotta in “stato di semi schiavitù”. Il prossimo 27 settembre il figlio di Gigi dovrà comparire in aula

claudio dalessio 640x300
Claudio D'Alessio

La vicenda che vede Claudio D’Alessio a processo, accusato dalla sua colf di averla ridotta in “stato di semi schiavitù”, è a dir poco complicata. Le versioni sono divergenti. Halyna Levkova ha dichiarato di aver subito un’aggressione il 5 luglio del 2014: sarebbe stata picchiata e cacciata dall’abitazione. Il 9 luglio, tramite l’avvocato Francesco Di Ciollo, ha depositato al commissariato di Fondi una denuncia, raccontando di aver subito maltrattamenti da parte del figlio di Gigi D’Alessio e di aver lavorato appunto in stato di semi schiavitù. Stando a quanto riportato dal Fatto Quotidiano, tutto sarebbe partito da una lite tra Claudio D’Alessio e Nicole Minetti, ex consigliera regionale lombarda portata alla ribalta da Silvio Berlusconi. All’epoca era sua fidanzata, mentre ora l’imprenditore è legato alla ballerina Giusy Lo Conte, da cui ha avuto due figlie. La discussione tra i due avrebbe svegliato la colf, che dormiva in soffitta. Chiese al figlio del cantautore di abbassare i toni perché non riusciva a riposare, quindi scoppiò una discussione accesa tale che poi sarebbe stata spinta contro una parete e cacciata di casa. La versione di Claudio D’Alessio invece è opposta. Lui ha dichiarato di aver agito per legittima difesa, in quanto la donna voleva scagliare contro lui e Nicole Minetti una sedia.

Una volta fuori di casa, la colf si presentò all’ospedale San Filippo Neri, dove le sono state riscontrate lesioni guaribili in 10 giorni e stato di ansia. «Dopo avermi picchiata e cacciata di casa nel cuore della notte, mezza nuda, mi ha chiamato mentre ero al pronto soccorso e mi ha detto: ‘Se mi denunci, faccio salire i miei amici di Napoli, quelli che tu sai, e faccio uccidere tuo figlio’», ha poi raccontato la colf, secondo quanto riportato dal Corriere della Sera. Il 12 settembre 2019 Nicole Minetti, testimone diretta, raccontò la sua versione, ma il processo è ancora lontano dalla conclusione. Anche se alcune accuse sono state già prescritte, Claudio D’Alessio dovrà tornare in aula per rispondere a nuove domande. (agg. di Silvana Palazzo)

CLAUDIO D’ALESSIO, EX COLF LO PORTA IN TRIBUNALE

Gravi accuse quelle ricadute su Claudio D’Alessio, il figlio del celebre cantante Gigi D’Alessio, da parte della sua ex colf, la signora Halyna Levkova. La donna ha infatti dichiarato che D’Alessio l’ha presa a schiaffi e insultata e, addirittura, nell’atto di citazione si arriva a parlare di “stato di semi schiavitù”. Gli episodi che raccontiamo risalgono al 2014 e sono accaduti in un appartamento di via Michele Mercati ai Parioli, a Roma. La donna denunciò il figlio di Gigi che venne rinviato a giudizio. Nel 2018 ha dunque avuto inizio il processo ed è stato stabilito che il prossimo 27 settembre Claudio dovrà comparire in aula per rispondere alle domande del pubblico ministero Mauro Masnaghetti.

“CLAUDIO D’ALESSIO MI HA PICCHIATA E SCHIAVIZZATA”

Secondo quanto riportato dal Corriere della Sera, l’ex colf di Gigi D’Alessio dichiaro: “È stato drammatico. Nell’appartamento ho dormito sempre in una stanza senza porta e armadio, al limite della schiavitù, lavorando in nero quindici ore al giorno. E lui non mi ha quasi mai pagato. Ero pronta ad andarmene”. Accuse molto pesanti che trovarono la replica del figlio del celebre cantante, che allora dichiarò “Mi ha denunciato per i soldi”, rigettando dunque tutte le accuse della donna. Gli aggiornamenti sulla vicenda arriveranno dunque il prossimo 27 settembre, quando Claudio D’alessio comparirà in aula per rispondere alle domande.

© RIPRODUZIONE RISERVATA