Claudio Golinelli “Gallo”/ “Ho lottato contro un tumore e lui mi ha aiutato a farcela cantando Vivere”

- Stella Dibenedetto

Claudio Golinelli conosciuto dai fan come il “Gallo”, storico bassista di Vasco Rossi, sul palco del Modena Park per La tempesta perfetta.

claudio golinelli min 640x300
Claudio Golinelli - Fonte Instagram

Claudio Golinelli, lo storico bassista di Vasco Rossi, è stato al suo fianco anche durante l’evento di Modena Park che, il 1° luglio del 2017, ha raccolto più di 225mila spettatori. Claudio Golinelli, conosciuto da tutti come il “Gallo”, è non solo un componente storico della band che accompagna Vasco nei suoi live, ma è anche legato al rocker da una lunga e profonda amicizia. Nel corso degli anni, insieme anche al compianto Massimo Riva, hanno condiviso tutto, sia i momenti belli che quelli brutti come quello che il “Gallo” ha affrontato quando, durante le prove per il tour di Vasco Rossi a Lignano Sabbiadoro, il 22 maggio 2018, è stato colto da un malore lo ha costretto a saltare tutto il tour tornando sul palco solamente per la data conclusiva allo stadio di Messina. Prima di quel momento, nel 2008, Golinelli aveva dovuto combattere contro un tumore al fegato interrompendo la sua carriera per poi tornare alla musica nel 2009 sempre accanto a Vasco. La canzone simbolo che unisce la storia del “Gallo” a quella di Vasco e che non manca mai in tutti i concerti del rocker di Zocca è “Siamo solo noi” in cui il basso del “Gallo” è riconoscibile sin dalle prime note. Nelle canzoni di Vasco c’è non solo la carriera di Claudio Golinelli che Vasco “rubò” a Gianna Nannini, ma c’è soprattutto la sua vita come ha raccontato lo stesso Golinelli.

CLAUDIO GOLINELLI: “HO LOTTATO CONTRO UN TUMORE E VASCO MI HA AIUTATO CANTANDO VIVERE”

Un incontro avvenuto nel 1979 ha dato il via ad una storica collaborazione musicale, ma soprattutto ad una lunga e profonda amicizia che dura ancora oggi. Claudio Golinelli e Vasco Rossi sono due colleghi, ma soprattutto due amici pronti a sostenersi contro tutto e tutti come ha spiegato il “Gallo” in un’intervista rilasciata ai microfoni de Il Resto del Carlino nel 2018, alla vigilia del tour del Komandante. Ancora oggi, c’è chi sostiene che le canzoni di Vasco siano scritte da altri. Una frase a cui il Gallo ha risposto personalmente. «Ma intanto i testi sono i suoi, roba immortale. Vita Spericolata, Siamo solo noi, Sally, Portatemi Dio, chi s’inventa cose tanto preziose? Io ho 69 anni e lui 66, entrambi stavamo per renderla. Ho lottato contro un tumore e lui mi ha aiutato a farcela cantando Vivere. Come ho ricambiato? Regalandogli i miei giri di basso e qualche bell’idea». Nelle canzoni di Vasco c’è la vita del Gallo che, pur essendo andato in pensione, non riesce a rinunciare alla musica supportato dalle sue prime fan: «Mia moglie Monia Donatini e nostra figlia Sophia, bellissima, che non sa niente di musica. Con cui vivo in centro a Imola».

© RIPRODUZIONE RISERVATA