Como, violenta rissa nella notte/ Due ragazzi presi a bottigliate: sono gravi

Como, violenta rissa nella notte: due ragazzi di 23 e 30 anni, presi a bottigliate. Sono gravi ma non in pericolo di vita

testa divinità campidoglio
Campidoglio, immagine di repertorio (LaPresse, 2019)

Violenta rissa nella notte appena passata, in quel di Como. Nel pieno centro della splendida città lariana, fra martedì 27 e mercoledì 28 agosto, due ragazzi sono rimasti gravemente feriti, dopo essersele date di santa ragione. Come riferiscono i colleghi di Fanpage, le vittime sarebbero due giovani di 23 e 30 anni, che dopo essere stati medicati sul posto, sarebbero stati trasportati presso il locale ospedale di Sant’Anna. Non sono in pericolo di vita, ma le loro condizioni fisiche sono state giudicate gravi dai medici che li hanno soccorsi. La rissa sarebbe avvenuta precisamente attorno all’una e trenta di notte, nei pressi di un parcheggio situato in via Simone Cantoni, molto vicino a Villa Olmo e al lungolago della città. Una zona di solito tranquilla, ma che la scorsa notte è stata teatro di violenza inaudita.

COMO, VIOLENTA RISSA NELLA NOTTE

Come riferisce l’azienda ragionale emergenza urgenza, una volta lanciato l’allarme sono giunte sul posto tre ambulanze del 118, e i due feriti sono stati trasportati presso il pronto soccorso con il codice rosso per uno, e quello giallo per l’altro. Il 23enne e il 30enne presentavano delle lesioni multiple al collo, nonché alla testa e al torace, tutte provocate dai vetri di bottiglia utilizzati nel pestaggio. Il loro arrivo al Sant’Anna è stato registrato attorno alle ore 2:15, e come già anticipato sopra, non risultano essere in pericolo di vita. I carabinieri della compagnia di Como hanno immediatamente aperto un’indagine per cercare di ricostruire l’intero accaduto. Al momento sono numerosi gli aspetti da chiarire, a cominciare dal numero di persone coinvolte nella rissa; inoltre, bisognerà comprendere quale sia stato il motivo scatenante il pestaggio, e l’identità dei coinvolti. Saranno utili a riguardo le telecamere di videosorveglianza piazzate nella zona della rissa, per meglio identificare i responsabili di questo scempio.



© RIPRODUZIONE RISERVATA