Concorso scuola/ Maggioranza spaccata: M5s-IV contro PD-LeU, Conte deve mediare

- Mauro Mantegazza

Concorso scuola: la maggioranza è spaccata con M5s-IV per le prove mentre PD-LeU vogliono basarsi solo sui titoli. Il premier Conte deve mediare

concorso scuola
Immagine di repertorio (LaPresse)
Pubblicità

Il decreto scuola rischia di diventare un nuovo terreno di scontro all’interno della maggioranza di governo, che è spaccata in particolare sul tema del concorso. Ieri tre ore di vertice a Palazzo Chigi sono terminate con un nulla di fatto, aggiornandosi a una nuova riunione. Toccherà al premier Giuseppe Conte il ruolo di mediatore fra i vari partiti che compongono la sua maggioranza, nella quale sulla scuola si rischia davvero il ‘muro contro muro’.

L’accordo sul nodo del concorso e sulla norma del decreto scuola che dovrà tornare in Parlamento lunedì va d’altronde trovato in tempi stretti, ma ieri sera i toni sono stati molto accesi e le posizioni assai distanti.

Sul concorso straordinario per circa 25 mila cattedre, dedicato ai precari che insegnano da più di tre anni, sembrano essersi creati due opposti schieramenti all’interno della maggioranza: M5s e Italia Viva da una parte, Pd e LeU dall’altra. I 5 Stelle – a partire dal ministro dell’Istruzione Lucia Azzolina – e i renziani vogliono lo svolgimento delle prove come era stato previsto, salvo impennate dei contagi; Pd e LeU vogliono invece un concorso per soli titoli, a causa dell’emergenza Coronavirus e la possibile difficoltà nel fare svolgere i concorsi.

Pubblicità

CONCORSO SCUOLA: MAGGIORANZA SPACCATA, SINDACATI IN ALLARME

Le fonti interne ai partiti fanno filtrare ai media i problemi sulla scuola e le difficoltà nella maggioranza sul concorso per la scuola: da parte dem infatti si fa capire che un concorso con le prove “resta molto difficile da prevedere”, mentre sulla sponda del Movimento 5 Stelle ecco che si ribadisce il no alle graduatorie per titoli. Si punta dunque a un accordo, che per i grillini sarebbe possibile tramite un concorso che garantisca il merito.

Nel mezzo, spettatori molto interessati, restano loro, i docenti precari che sperano finalmente di ottenere una cattedra di ruolo: “Sono troppe le chiacchiere distorte – ha commentato per il TgCom24 Maddalena Gissi, leader della Cisl scuola – noi vogliamo premiare il merito di chi da anni ci mette in condizione di aprire le scuole, il merito di chi insegna in molti casi nelle scuole che hanno i risultati migliori”.

Pubblicità

La Cgil, la Uil e lo Snals dal canto loro si sono già dette pronte alla mobilitazione e a proclamare la fine della tregua sindacale se non si arriva al concorso per titoli. I tempi come si accennava sono sempre più stretti: il decreto scuola, attualmente all’esame del Senato, a fine mese deve passare all’esame della Camera ed essere varato definitivamente entro il 7 giugno. Per una maggioranza divisa rischia di essere uno scoglio molto delicato…

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità