Concorsopoli Pd Lazio/ Numero dei candidati ammessi “magicamente” moltiplicato

- Mirko Bompiani

Concorsopoli Pd Lazio, l’inchiesta travolge i dem. Il sindaco di Allumiere rispedisce le accuse al mittente, ma qualcosa non torna…

concorsopoli pd lazio
(Fuori dal coro)

La graduatoria dei miracoli: così è stata ribattezzata da Fuori dal coro a proposito dell’inchiesta sulla Concorsopoli Pd Lazio, con i diversi funzionari assunti in Regione e vicini ai dem. Come vi abbiamo raccontato, per questo scandalo sono arrivate le dimissioni del presidente del Consiglio regionale Mauro  Buschini, che avrebbe guidato le assunzioni del concorso di Allumiere, ma non è tutto…

Andando a scandagliare i nomi degli assunti in Regione, quasi tutti sono molti vicini ai dem: da Matteo Marconi (segretario del Pd a Trevignano) a Arianna Bellia (assessore a San Cesareo vicina al Pd), passando per Augusta Morini (consigliere e assessore Labico vicina al Pd) e Paco Fracassa (ex segretario Pd di Allumiere), fino a Sara Bombelli (del Pd romano quartiere Trieste salario) e Angelo Lorenzetti (figlio di Vittorio Lorenzetti, entrambi collaboratori di Buschini).

CONCORSOPOLI PD LAZIO: “LA GRADUATORIA DEI MIRACOLI”

La Procura di Civitavecchia indaga sulla Concorsopoli Pd Lazio e sono attese novità a stretto giro di posta. «Ci sono un po’ troppe coincidenze tra i nomi degli idonei. Anche sui numeri non c’è chiarezza, qualcuno ha giocato carte un po’ oscure», l’affondo di Chiara Colosimo (Fdi), anche se il sindaco di Allumiere rispedisce le accuse al mittente: «Rendetevi conto della trasparenza, non c’è nemmeno un amministratore». In realtà, rimarca Fuori dal coro, non è così: al concorso hanno partecipato politici, assessori e dem dai diversi comuni laziali e qualcosa non torna a proposito della graduatoria. In soldoni: 625 si candidano, scatta la pre-selezione, il bando dice che passano i primi 20 classificati. Ed ecco l’anomalia: passano in 107, meno i tre posti riservati ai candidati invalidi, con 84 candidati che hanno preso lo stesso punteggio del 20esimo candidato. Ma i funzionari non hanno dubbi: «La graduatoria ha fatto uno scorrimento verso il basso, di queste 80 persone idonee non mi metto a guardare se uno è marito e moglie, fratello e sorella o se è di Allumiere o di Pavia». Insomma, non ci resta che attendere altre novità…



© RIPRODUZIONE RISERVATA