Video conferenza stampa Draghi/ Decreto sostegni bis: “riaperture migliori ristori”

- Niccolò Magnani

La conferenza stampa con il Premier Draghi e i Ministri Franco e Orlando: video streaming da Palazzo Chigi. Decreto Imprese, Lavoro, Professioni, sostegni: “non è il momento di tasse”

Draghi, Franco e Orlando
Decreto Sostegni: Premier Draghi con i Ministri Franco e Orlando (LaPresse, 2021)

DRAGHI ILLUSTRA IL NUOVO DECRETO

«Un Decreto che guarda al futuro e che non lascia indietro nessuno: sono soddisfatto poi anche per le riaperture graduali con rischio calcolato: questo è frutto della campagna vaccinale che è stata seguita fin dalla sua formazione»: apre così la conferenza stampa il Premier Draghi, illustrando i primi successi logistici sul fronte vaccini. «Sono fiero della sterzata data sull’età delle vaccinazioni», aggiunge il Presidente del Consiglio, «oggi siamo all’80% dei 70enni vaccinati, terzi dopo 90enni e 80enni. Questo permette il riaprire delle attività con rischio calcolato: calano terapie intensive, ricoveri e numero di contagi. Le decisioni del Governo sono state coraggiose, voglio sottolinearlo: i comportamenti devono rimanere tali, dalla mascherina al distanziamento». Draghi spiega di aspettarsi un rimbalzo dell’economia già dal prossimo trimestre, con crescita rivista al rialzo per il 2021: «è presto per parlare di crescita sostenuta», ammette il Capo del Governo che poi aggiunge come servirà l’impulso del PNRR per far davvero ripartire l’economia. Sul fronte aumento prezzi, l’inflazione preoccupa e Draghi rileva «ci sono rimbalzi temporanei da osservare bene, i salari ancora sono bassi e c’è tanta disoccupazione».

40 miliardi per il Decreto Imprese, Lavoro, Professioni: 17 per ristori, 9 per aiuti credito e liquidità, 4 ai lavoratori per le difficoltà di emergenza, 3,3 per il turismo. Per la prima volta entra anche il criterio dell’utile oltre al fatturato per distribuire i sussidi: «serve più tempo perché occorre verificare bene gli utili, comunque un criterio più giusto». Sul fronte giovani, il Decreto stabilisce la cancellazione dell’imposta di registro e del mutuo: per i giovani meno abbienti c’è anche la garanzia bancaria dello Stato sulla’80% del mutuo, «si vuole rendere più facile comprare casa e costruirsi una famiglia». Sulla scuola invece, Draghi annuncia concorso ordinario anticipato prima di settembre: l’ambizione è quello di tornare al sistema di concorsi annuali dove tutti i giovani saranno aiutati in questo. «È un Decreto che guarda al futuro ma che non vuole lasciare indietro nessuno».

LE DOMANDE A DRAGHI, ORLANDO E FRANCO

Cosa aspettarsi dalle imprese?
Draghi: «Miglioramento situazione sanitaria permetterà il rilancio delle imprese, ottimismo confermato dai primi fatti»

Pacchetto Lavoro
Orlando: «norma “anti licenziamenti” prevede per le aziende che chiedono la cassa Covid entro fine giugno, sia prorogato il blocco dei licenziamenti fino al 28 agosto. Inoltre dal primo luglio le aziende che utilizzano la cassa ordinaria non dovranno pagare le addizionali a condizioni che non licenzino»

È un Paese per giovani?
Draghi: «Nel PNRR i giovani sono dovunque e così anche in questo Decreto. Vogliamo un’Italia per i giovani»

Finita la fase di sostegni all’economia?
Draghi: «il miglior sostegno è la riapertura, lo Stato vuole accompagnare, ma la scommessa è sulla crescita. Se la situazione pandemica continua a migliorare come vediamo attualmente, mi auguro che non ci sarà bisogno di decreti di questo tipo nel corso di quest’anno. Tasse? In periodo di recessione bisogna dare soldi e non prenderli»

Turismo
Draghi: «nel Decreto si stanziano 3,4 miliardi, non è più necessaria la quarantena e con le riaperture si avrà il miglior volano possibile per il turismo»

Riforma fiscale
Draghi: «non è il momento di politiche fiscali restrittive. Proposta di Enrico Letta (dote per 18enni con tassa di successione, ndr)? Non è il momento di prendere soldi ma di darli, siamo in recessione. Prossima settimana sul Dl Governance e Semplificazioni»

Migranti
Draghi: «il meccanismo di riallocazione nelle discussioni europee è stato discusso, ma trovato un vero accordo. L’azione deve avere 3 pilastri: riallocazione, intervento economico dell’Unione Europea sul fronte immigrazione, collaborazione bilaterale con i Paesi di partenza. Gli strumenti non mancano ma vanno impiegati con equilibri, efficacia»

Quirinale
Draghi: «improprio che si discuta oggi del Capo dello Stato quando è in carica, l’unico autorizzato a farlo è Mattarella»

Blocco licenziamenti non verrà prorogato fino all’autunno
Orlando: «siamo andati sul criterio della selettività, la ragione politica consiglia di seguire strade anche diverse da un accordo di maggioranza che non si trova»

VERSO LA CONFERENZA STAMPA DEL PREMIER

Alle ore 16 è convocata a Palazzo Chigi (in diretta video streaming presso la Sala Polifunzionale della Presidenza del Consiglio) la conferenza stampa di presentazione del nuovo Decreto “Imprese, Lavoro, Professioni”: presenti a illustrare le misure del ‘fu’ Dl Sostegni bis, il Premier Mario Draghi e i Ministri del Lavoro Andrea Orlando e dell’Economia Daniele Franco. In tutto 40 miliardi in extra deficit che il Governo utilizzerà per finanziare tutte le misure di questa – si spera – ultima “Manovra di Bilancio” in sostegno all’economia colpita dalla pandemia Covid-19.

Secondo le ultime novità in arrivo dal Consiglio dei Ministri (convocato stamane alle 11.15), il testo del nuovo Decreto economico prevederà almeno 15,4 miliardi di euro per lo stanziamento per l’acconto e il saldo dei nuovi ristori: 8 miliardi andranno per nuova tranche di sostegni da erogare in automatico per chi ha subito perdite secondo lo schema classico già attuato nel primo Dl Sostegni. 3,4 miliardi per chi sceglierà il nuovo calcolo del calo dei ricavi: si tratta di un sistema in base al quale «l’ammontare medio mensile del fatturato e dei corrispettivi del periodo dal 1 aprile 2020 al 31 marzo 2021 sia inferiore almeno del 30 per cento rispetto all’ammontare medio mensile del fatturato e dei corrispettivi del periodo dal 1 aprile 2019 al 31 marzo 2020», spiega l’Adkronos. Infine, 4 mld per il conguaglio di fine anno sulla base dei risultati di esercizio.

I TEMI DELLA CONFERENZA STAMPA

Nella conferenza stampa con Draghi si entrerà poi nelle pieghe più interne del Decreto “Imprese, Lavoro, Professioni”, come ad esempio i crediti di imposta per gli affitti, la proroga delle garanzie per mutui e prestiti, gli sconti Tari nei Comuni e la fine del blocco dei licenziamenti che avverrà al fine luglio. Ai lavoratori stagionali del turismo, degli stabilimenti termali, dello spettacolo e dello sport sarà riconosciuta un’indennità una tantum di 1.600 euro, mentre saranno in tutto 3,3 i miliardi di euro di fondi destinati al settore Turismo (fondo montagna, operatori, città d’arte, agevolazioni contributi, credito imposta per canoni locazione). Nel Dl Sostegni bis stanziati anche 1,65 miliardi per la struttura commissariale del generale Figliuolo, mentre sono 5,8 i milioni per istituire, con la vigilanza del ministero della Salute e il coordinamento dell’Iss, una sorveglianza sistematica del Covid e delle sue varianti nelle acque reflue. Ai Ministri Franco e Orlando saranno poi richieste novità e aggiornamenti circa la situazione delle riforme sul Recovery Plan, mentre al Premier Draghi una valutazione sulla recenti riaperture e sulla campagna vaccini in vista dell’estate sarà certamente richiesta. Appuntamento, come sempre, in diretta video streaming sui canali social di Palazzo Chigi.

CONFERENZA STAMPA DRAGHI, LA DIRETTA VIDEO STREAMING



© RIPRODUZIONE RISERVATA