CONSIGLI NON RICHIESTI/ Negoziazioni win-win, un falso mito da sfatare

- Luca Brambilla

Si parla spesso di negoziazioni win-win, ma in realtà si tratta di un falso mito. Meglio basarsi su un altro principio per risultati più soddisfacenti

coronavirus lavoro disoccupazione
Immagine di repertorio

Proseguiamo la disamina dei falsi miti di cui il complesso mondo della negoziazione è spesso vittima. Nell’ultimo articolo abbiamo raccontato come la persuasione e la negoziazione includono approcci comunicativi differenti. Oggi il mio intento è quello di abbattere una delle espressioni più celebri associate alla negoziazione: win-win.

Molti libri ci propinano una visione del mondo dualista sintetizzata attraverso due concetti: in una negoziazione è possibile vincere o perdere (approccio win-lose), oppure fare in modo che entrambe le parti vincano (approccio win-win). In Accademia di Comunicazione Strategica mostriamo tutti i limiti di questo approccio. Al contrario, riteniamo che una negoziazione non sia una battaglia che si vince o si perde, bensì una performance.

Aiutiamoci a comprendere questo concetto con un esempio. Ipotizziamo che Pietro venda a Marco una macchina per 10.000 euro. Marco contratta con Pietro e riesce a concludere la trattativa acquistando l’auto a 9.000 euro. È importante specificare che a Pietro sarebbe bastato vendere la macchina a 8.000 euro per potersi ritenere soddisfatto. D’altro canto, Marco sapeva dentro di sé che sarebbe stato disposto a comprare la macchina anche a 10.000 euro, pur di ottenerla. Se giudichiamo questa negoziazione con il classico approccio win-lose, facciamo fatica a capire chi “ha vinto”. Viceversa, adottando l’approccio win-win, è corretto affermare che entrambi hanno vinto perché sono riusciti a concludere la trattativa, o è più esatto dire che entrambi hanno perso perché non hanno raggiunto fino in fondo il loro obiettivo?

Inoltre, questo esempio non è del tutto realistico, poiché la trattativa si è conclusa con un accordo che si trova esattamente nel mezzo della cosiddetta ZOPA (ovvero la Zona di Possibile Accordo, che in questo esempio si attesta tra gli 8.000 e i 10.000 euro), e una situazione di questo tipo si presenta molto raramente nella vita reale.

Per demolire ulteriormente il concetto di win-win propongo un altro esempio che spesso metto in pratica con i membri dell’Accademia. Per insegnare le basi della negoziazione, ogni tanto avanzo questa proposta a un Associate: “Giorgia, un’altra Associate, mi ha detto che ci darà 100 euro da spartirci solo se riusciamo a trovare un accordo su come dividerceli. L’unica condizione consiste nel fatto che io ti posso fare solo una proposta su come suddividerli, e tu potrai darmi solo una risposta. Se accetterai la proposta entrambi avremo la nostra quota, se la rifiuterai Giorgia si terrà i 100 euro”. A quel punto l’Associate appare visibilmente contento perché pregusta la possibilità di guadagnare dei soldi facilmente. Ma in una società specializzata in negoziazione, niente è così semplice. Infatti, un attimo dopo gli propongo di tenermi per me 99 euro e di lasciargli solo 1 euro. A quel punto l’Associate, capisce di dover scegliere tra due opzioni: lasciarsi prendere dalla rabbia e rifiutare, ottenendo in questo modo zero, oppure vincere il primo impatto emotivo e accettare, così da ottenere almeno qualcosa, anche se poco. Una volta che l’Associate ha saputo gestire l’emozione e ha accettato, io gli domando: “Avresti potuto perdere tutto rifiutando e ci saremmo trovati entrambi in una situazione lose-lose. Fortunatamente non ci sei cascato e hai accettato, guadagnando il massimo che avresti potuto ottenere in questa precisa circostanza. Nonostante ciò, ti senti di dire che siamo in una situazione win-win? La risposta dell’associate è ovviamente un “no” secco. Tuttavia, questo esercizio gli consente di imparare a non ripetere più a pappagallo espressioni che probabilmente sono state scritte originariamente da chi la negoziazione l’ha studiata solo sui libri e mai sul campo.

In Accademia proponiamo un approccio più strategico, che invita a considerare la negoziazione come una performance: in una performance lo scopo non è vincere o perdere, ma migliorare ogni volta il proprio risultato imparando dai propri errori e, se si è particolarmente attenti, anche da quelli degli altri. Proprio per questo, quando ho una riunione di assessment con qualche cliente che ha appena concluso una negoziazione gli pongo sempre due domande: “Quanto sei soddisfatto?” e “Cosa possiamo fare per migliorare la prossima volta?”. Dopo anni sul campo posso affermare che chi concepisce la negoziazione come performance non si preoccupa di chi sia il vincente o il perdente, ma coglie sempre l’occasione per scoprire qualcosa di nuovo su di sé (e sugli altri). Viceversa, coloro che utilizzano espressioni come “Ho stravinto” o anche “Abbiamo vinto tutti”, tendono a “sedersi”, e quindi nel tempo, immancabilmente, si fanno superare da altri.

In fondo, come sostengo nel libro Comunicazione Strategica – Le origini del Metodo O.D.I.® Ed. Fag, “La negoziazione più importante è quella con se stessi”. Ciò significa che lo scopo della negoziazione non è vincere contro se stessi, ma cercare di migliorarsi di continuo.

— — — —

Abbiamo bisogno del tuo contributo per continuare a fornirti una informazione di qualità e indipendente.

SOSTIENICI. DONA ORA CLICCANDO QUI

© RIPRODUZIONE RISERVATA