Cori contro mamma Zaniolo in Parma-Roma/ Francesca Costa “meno dignità di Balotelli?”

- Niccolò Magnani

Cori contro la mamma di Zaniolo in Parma-Roma: la replica di Francesca Costa, “meno dignità di Balotelli e dei napoletani?”

Francesca Costa con il figlio Zaniolo e De Devitis
Francesca Costa (Instagram)

La Roma perde al Tardini ma non è l’unica brutta notizia da segnalare dopo la trasferta di Parma dei giallorossi di Fonseca: dopo un presunto fallo al limite dell’area, il campioncino Nicolò Zaniolo è stato subissato di fischi e cori ancora una volta “dedicati” alla mamma-social Francesca Costa. La bella 40enne che spopola su Instagram per i sexy selfie da tempo è oggetto di insulti ignobili, utilizzati per innervosire il giovanissimo jolly della Roma: nel caso di Parma di fatto è avvenuto esattamente quanto avvenuto nel derby Lazio-Roma con la Curva parmense che ha replicato gli stessi cori della Curva Nord biancoceleste «la mamma di Zaniolo è una putt**a». Detto che non solo la mamma, ma anche la nonna e la trisavola dei cretini è sempre incinta, il caso questa volta prende una piega ancor più polemica per il post di “risposta” di Francesca Costa che va a lambire temi molto più complessi come le squalifiche per cause discriminatorie di vario genere, da quelle territoriali e quelle razziste.

I CORI E LA REPLICA DI FRANCESCA COSTA

«Però poi il problema e le squalifiche solo per “Napoletano di mer*a”, “Balotelli nero”, “Catanzarese zingaro”» scrive su Instagram un utente follower della mamma di Zaniolo, presa di mira per la sua bellezza. L’utente tifoso romanista va oltre e attacca «la mamma di Zaniolo e tutte le mamme hanno meno dignità rispetto ai napoletani, ai catanzaresi e a Balotelli». La signora Costa aggiunge al suo post un bel «la penso esattamente come te», confermando da un lato l’irritazione per questo continuo “trattamento” udito poi puntualmente dal figlio in campo e dall’altro il fastidio sulla “differenza” di comportamento del giudice sportivo che in alcuni casi interviene con squalifiche e in altre no. Dopo gli insulti del derby già Francesca Costa aveva replica sui social, questa volta a polemiche sollevate contro la sua dura reazione ai cori di insulto, con queste parole: «io ridevo eccome …e più vedevo mio figlio che giocava e come giocava ridevo ancora di più ….poi la goliardia e’ un’altra cosa bisogna essere in grado di sapere cosa significhi prima di inserirla a caso …le Iene sono satirici e pongono tutto sul doppio senso, non mi hanno appellata in nessun modo volgare come avete fatto ma stare a spiegare le solite cose e non essere ancora capita e’ assurdo…cose così elementari al volo si dovrebbero capire».



© RIPRODUZIONE RISERVATA