Coronavirus, Calciomercato/ Serie A chiede la proroga della finestra fino a ottobre

- Michela Colombo

Coronavirus Calciomercato: la Lega Serie A chiede una proroga della finestra estiva fino ad ottobre. Dall’Inghilterra l’ipotesi della “maxi finestra” fino a gennaio.

Serie A
Coronavirus Figc: il protocollo per il rientro in campo - Foto LaPresse

Sono giorni ben confusi nel mondo dello sport data l’allargarsi e l’aggravarsi a livello globale dell’emergenza coronavirus, tra eventi saltati, slittati e stagioni da chiudere quando mai si riuscirà. Ecco che allora tiene banco sul tavolo di discussione nel mondo del calcio non solo la programmazione dei prossimi eventi e del campionato o le soluzioni per limitare le conseguenze economiche della crisi, ma pure come impostare la finestra di calciomercato. Il problema era già sorto in precedenza: come è noto la data limite della validità dei contratti è il 30 giugno e con lo slittamento del finale di stagione, già si era parlato di un ipotetico prolungamento della scadenza. Visti per gli ultimi sviluppi  della pandemia e la messa in dubbio della chiusura della stagione, serve in tal senso prevedere misure ancora più nette.

CORONAVIRUS CALCIOMERCATO, LA PROPOSTA DELLA LEGA

Ecco che allora in tal senso già la Lega Serie A pare essersi mossa, dopo la decisiva assemblea di ieri: stando quanto ci riferisce Tuttosport infatti la Lega avrebbe inviato alla Figc la proposta di chiedere al presidente della FIFA Infantino una proroga fino a fine settembre o i primi giorni di ottobre la finestra estiva del calciomercato. Di conseguenza verrebbe ridotta la finestra di gennaio, data la vicinanza in calendario. Sulla carta una mossa affatto irrealizzabile e  ben necessaria, visto il pericolo sempre più vicino, che la stagione attuale di campionato si chiuda solo a luglio inoltrato, ben oltre dunque i classici termini del mercato.

CORONAVIRUS CALCIOMERCATO, LA PROPOSTA CHE ARRIVA DALL’INGHILTERRA

Ma non solo: dall’Inghilterra infatti arriva in tal senso una proposta ancora più “rivoluzionaria” per quella che sarà la sessione di calciomercato estiva per il 2019-2020. Stando infatti alle ultime indiscrezioni riportate dal Telegraph pare che già parecchi club abbiano dato il proprio assenso alla proposta di una “maxi” finestra di contrattazione, da luglio fino a gennaio. Sette mesi di contrattazione dunque di fronte a cui ora la Fifa dovrà dire la sua ovviamente in sede ufficiale.

In ogni caso l’idea di spostare e rivoluzionare i classici termini non è nuova: già l’anno scorso la Premier League aver deciso di chiudere in anticipo la finestra estiva, al 8 agosto 2029, per evitare che le voci di mercato distraessero i giocatori a campionato iniziato. In ogni caso, la situazione di emergenza è tale che la Fifa dovrà prendere provvedimenti anche in merito del calciomercato: sarà fondamentale per i club essere mesi nelle miglior condizioni per chiudere le trattative.

© RIPRODUZIONE RISERVATA