Coronavirus, cancellato l’UAE Tour: 2 ciclisti italiani positivi/ Froome “Un peccato”

- Davide Giancristofaro Alberti

Coronavirus, cancellato l’UAE Tour: 2 ciclisti italiani sono risultati positivi al Covid-19, di conseguenza l’organizzazione ha cancellato le ultime due tappe

Froome_rosso_Vuelta_lapresse_2017
Chris Froome (LaPresse)

Il coronavirus colpisce anche il ciclismo e precisamente l’UAE Tour, la corsa attualmente in scena negli Emirati Arabi. Come riferito da numerosi organi di informazione nelle ultime ore, due ciclisti italiani sarebbero risultati positivi al virus cinese e di conseguenza l’organizzazione della corsa a tappe ha deciso di cancellare le ultime giornata dello stesso tour. La notizia è sottolineata in particolare dagli inglesi della Bbc che aggiungono altresì che tutti coloro che sono venuti a contatto in questi giorni con i due corridori italiani risultati positivi, stanno effettuando ora dei test per verificare che non siano stati a loro volta contagiati. Numerose le reazioni da parte degli stessi addetti ai lavori, a cominciare dal campione naturalizzato britannico Chris Froome, che attraverso la propria pagina Twitter ha scritto: «Una vergogna. È un peccato che la manifestazione sia stata annullata ma la salute prima di tutto». Il ciclista ha aggiunto di essere «in attesa dei risultati del test in albergo».

CORONAVIRUS, CANCELLATO L’UAE TOUR: LE REAZIONI SOCIAL

Il tour degli Emirati Arabi, dopo la cancellazione, è stato quindi vinto dal connazionale di Froome, il ciclista britannico Adam Yates, attuale leader della corsa dopo la fase cinque, con un vantaggio di un minuto ed un secondo su Pogacar. A questo punto si attende solo l’ufficialità ma Yates verrà giudicato il vincitore dell’evento. Mitchelton-Scott, team manager di Yates, ha twittato: “Gli ultimi due giorni di gare sono stati annullati a causa delle preoccupazioni riguardanti il coronavirus. I ciclisti e lo staff rimangono in hotel e saranno testati a breve, con la salute che resta la priorità. Speriamo che chiunque sia positivo possa avere un rapido recupero”. Così invece il ciclista neozelandese James Mitri, del team italiano ProTeam: “Grazie Emirati Arabi Uniti Tour, per una gara e un tempo grandiosi. È un peccato che gli ultimi giorni siano stati cancellati, ma la salute dei ciclisti e dello staff deve venire prima di tutto”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA