CORONAVIRUS, EX SINDACO TREVISO RIMPIANGE MUSSOLINI/ “Avrebbe gestito meglio crisi”

- Fabio Belli

Coronavirus, Gentilini rimpiange Mussolino. “Avrebbe gestito meglio l’emergenza”. Intervista shock a “La Zanzara” dell’ex Sindaco di Treviso.

Gentilini Treviso

L’ex Sindaco di Treviso Giancarlo Gentilini, spesso conosciuto per i suoi modi da “sceriffo” durante i suoi mandati da primo cittadino nella città veneta, torna a far parlare di sé con un’intervista a “La Zanzara” su Radio 24, affermando che Benito Mussolini avrebbe saputo gestire meglio dell’attuale Governo l’emergenza coronavirus. Queste le sue parole in merito: “Ricordati,” ha spiegato rivolto al conduttore Cruciani, “il motto di Mussolini era: mens sana in corpore sano. C’erano delle strutture a sostenere queste indicazioni, la gioventù italiana del littorio, i ragazzi venivano portati al mare, per i monti. La sanità di adesso non è più quella di allora. Cosa dicevano i romani? Primum vivere, poi filosofare. Mentre adesso ci siamo ridotti a non avere neppure una mascherina in deposito. Il fascismo avrebbe gestito meglio la situazione, poiché durante il periodo fascista la cura principale era l’uomo. Ci sarebbe stata la previsione del futuro, qui nessuno lo ha previsto. Mi sembra – ha preoseguito Gentilini – di essere tornato in guerra quando c’era il coprifuoco, ma è molto peggio perché una volta finito il coprifuoco allora si tornava a vivere. Qui invece no, è peggio della guerra. E’ qualcosa di subdolo”.

“SE VINCE IL VIRUS MEGLIO IL CIANURO”

Gentilini aveva fatto parlare a lungo di sé durante il suo mandato da Sindaco di Treviso, spesso fotografato con le armi in mano e autore di esternazioni controverse, sindaco leghista spesso accusato di aver avuto atteggiamenti razzisti ed omofobi. Alla Zanzara la domanda, passato l’argomento coronavirus, è stata: cosa fa oggi l’ex sindaco Gentilini? “Esco da casa per andare a prendere il giornale e vado a prendere qualche lettera in Comune. Per me è peggio di una galera, sono abituato al contatto con la gente, a vivere in mezzo al mio popolo. Sono molto anziano, ma ho sempre la carica vitale di un balilla. e crolla tutto i gerarchi nazisti cosa avevano nel taschino? La pasticca di cianuro. Se dovesse andare peggio e l’epidemia dilaga meglio il cianuro. Se sparisce il genere umano e sopravvivo cosa fai? Meglio il cianuro.” Numerosi riferimenti al nazifascismo che faranno discutere sulla figura di Gentilini come ai vecchi tempi, presumibilmente.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA