Coronavirus Francia, Uk, Germania/ Ultime notizie, stasera parla Macron

- Dario D'Angelo

Anche Francia, Germania e Uk si preparano ad allentare le restrizioni anti-coronavirus in vista del Natale, ma con diversi gradi di prudenza.

coronavirus
Il presidente francese Emmanuel Macron durante l'ultimo discorso alla nazione (LaPresse)

Così come in Italia, anche nel resto d’Europa, a partire da Francia, Germania e UK, la tendenza dei contagi da coronavirus sembra confermare una lenta uscita dal tunnel della seconda ondata. Proprio questa è stata la metafora utilizzata dal premier inglese, Boris Johnson, in un discorso pronunciato ieri in video alla Camera dei Comuni. Secondo il Guardian, il leader conservatore ha dichiarato che per la prima volta dalla comparsa del virus “miserabile”, possiamo vedere una via d’uscita dalla crisi del Covid-19, sottolineando come sia arrivata la “cavalleria scientifica” in quello che è apparso un chiaro riferimento ai vaccini. Sarà forse anche per questo motivo che a Downing Street sono sempre più propensi a varare una sorta di “liberi tutti”, osteggiato dalla comunità scientifica, per 5 giorni nel periodo di Natale, con tanto di ritorno del pubblico agli eventi sportivi fino a 4000 spettatori nelle aree ad allerta gialla e fino a 2000 in quelle con allerta arancione.

CORONAVIRUS FRANCIA, GERMANIA, UK: ULTIME NOTIZIE

E la Francia? Entro dieci giorni arriverà la decisione sulla chiusura o meno degli impianti sciistici, ma intanto alle 20 di questa sera è previsto il discorso in diretta tv del presidente Emmanuel Macron. Il capo dello stato francese ha in programma di riunire un Consiglio di Difesa per fare il punto sulla situazione. Le anticipazioni parlano di un alleggerimento che avverrà in tre tappe: intorno al primo dicembre, prima di Natale e all’inizio del prossimo anno. Per quanto riguarda la Germania, invece, i Laender tedeschi hanno intenzione di prolungare il lockdown “light” fino al 20 dicembre. Nel frattempo, in attesa della riunione di domani con la cancelliera Merkel, i ministri-presidenti dei Laender hanno trovato un’intesa: dal 23 dicembre al primo gennaio sarà possibile ritrovarsi con altri nuclei familiari o altri singoli per un massimo di 10 persone, esclusi i ragazzi al di sotto dei 14 anni, con l’invito alla cittadinanza a sottoporsi ad una quarantena preventiva auto-imposta prima delle festività.

© RIPRODUZIONE RISERVATA