Coronavirus Gabbiadini/ Manolo: “Sto meglio, sono tornato ad allenarmi”

- Michela Colombo

Coronavirus, Manolo Gabbiadini torna a parlare: “Ora sto bene, ho cominciato ad allenarmi”. Il bomber della Sampdoria ora è negativo: si attende il secondo tampone.

Gabbiadini
Coronavirus Sampdoria, Manolo Gabbiadini (LaPresse)
Pubblicità

Torna a parlare uno dei primi giocatori della Serie A risultato positivo al Coronavirus, ovvero Manolo Gabbaidini, che oggi, ai microfoni di Sky Sport ha subito rassicurato i fan delle sue buone condizioni di salute. Dopo dunque la riscontrata positività al Covd.19 del giocatore della Sampdoria agli inizi di marzo, per Manolo il peggio pare ormai finalmente alle spalle: “Sto bene, ho già ripreso ad allenarmi in casa per quello che è possibile fare. La mia malattia è stata leggera, ho avuto solo la febbre per un giorno e una brutta tosse per 5 o 6 giorni”. Ottime notizie dunque per il bomber, che solo pochi giorni fa attraverso i social ha pure indirizzato una commovente lettera per Bergamo, città e provincia tra le più colpite dalla pandemia,

Pubblicità

CORONAVIRUS GABBIADINI: “ASPETTO IL SECONDO TAMPONE MA..”

Nel lungo intervento ovviamente Manolo Gabbiadini ha pure raccontato con dovizia di particolari le ultime settimane passate in quarantena, malato: ” Quando ero a casa il dottore mi chiamava ogni giorno ed ero sempre sotto controllo”. Ma pure pare ormai tutto risolto: “Ora sono tornato negativo, ma come da prassi devo attendere altre 24 ore per il secondo tampone che mi darà la certezza di essere guarito”. Nel giorni di malattia però non è mancato il sostegno di amici, colleghi e fan, che si sono dimostrati subito molto vicini allo stesso giocatore della Sampdoria: “Ho ricevuto tantissimi messaggi, anche perché sono stato il secondo di tutta la Serie A a risultare positivo. Solo su whatsapp sono arrivato a più di 300, ci ho messo una settimana a rispondere a tutti. Mi hanno colpito tutti questi messaggi, significa che ci sono tante persone che mi vogliono bene. Tra questi ci sono i miei ex allenatori che magari sento meno, mi ha fatto molto piacere”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità