CORONAVIRUS GERMANIA, 3MILA MORTI, 127MILA CASI/ Terzo giorno di calo degli infetti

- Emanuela Longo

Coronavirus Germania, 3mila morti, 127mila casi. Sono numeri positivi quelli tedeschi, con il terzo giorno consecutivo di calo degli infetti

coronavirus germania
Angela Merkel (LaPresse)

E’ una lettera scritta col cuore quella diramata nelle scorse ore dal presidente della Germania, Frank-Walter Steinmeier. Dopo aver analizzato nel dettaglio la pandemia da coronavirus, e l’emergenza sanitaria ed economica che la stessa ha provocato, ha concluso la propria missiva con una grande iniezione di fiducia: “Non vogliamo diventare una società timorosa, diffidente. Possiamo, invece, essere una società con più fiducia, più rispetto e più ottimismo. E’ sperare troppo, anche se è Pasqua? A questo proposito il virus non ha potere. Qui decidiamo solo noi. Sicuramente molte cose in futuro non saranno più semplici. Ma noi tedeschi non sempre ci semplifichiamo le cose. Pretendiamo molto da noi stessi e facciamo molto affidamento sugli altri. Anche in questa situazione possiamo crescere e lo faremo. Buona Pasqua, tanti auguri, e prendiamoci cura gli uni degli altri”. E ed è proprio la fiducia la parola maggiormente circolante in queste ore in Germania, alla luce degli ultimi dati che confermano il trend positivo circa infetti e decessi. I casi di positività, stando a quanto comunicato dall’Rki, il Robert Koch Institut, sono calati per il terzo giorno consecutivo, e di conseguenza dalle parti di Berlino stanno studiando seriamente delle riaperture, a cominciare dalle scuole. Importanti novità a riguardo sono attese nelle prossime ore. (aggiornamento di Davide Giancristofaro)

CORONAVIRUS GERMANIA: 3.022 MORTI, GUARITI SUPERANO MALATI

La Germania si piazza al quarto posto in Europa per numero di contagi da Coronavirus. Sono 127.854 le persone risultate contagiate nel Paese, alle spalle di Francia, Italia e Spagna. Le vittime sono in tutto 3.022 con 64.300 ricoverati stando ai dati forniti in tempo reale dalla John Hopkins University. Eppure c’è anche un dato positivo: la Germania ha più persone guarite che ancora malate di Coronavirus. A dirlo sono fonti ufficiali tedesche citate da Bbc. Nelle ultime 24 ore sono stati segnalati 2.537 nuovi tamponi ma oltre il 50% dei totali positivi risulterebbe ora guarito. Rispetto agli altri Paesi maggiormente colpiti, la Bbc ha ricordato che la Germania ha un tasso di letalità più basso di quanto non lo sia in Spagna, Italia, Francia e Regno Unito, perché effettua più tamponi, e quindi registra anche i casi meno gravi e leggeri. Attualmente, secondo i dati emersi, infatti, in Spagna il tasso di guarigione è al momento del 37%, mentre in Italia del 22%, in Francia del 21% e in Gran Bretagna è ancora dello 0,3%.

CORONAVIRUS GERMANIA: IPOTESI RIAPERTURA SCUOLE A SCAGLIONI

L’ultimo dato aggiornato sulla situazione in Germania relativamente all’emergenza Coronavirus ha portato a rivedere le ipotesi legate alle riaperture e quindi alla ripartenza del Paese. Secondo quanto scrive il quotidiano Spiegel, non è esclusa l’ipotesi riapertura delle scuole nelle prossime settimane. La ripresa delle lezioni è valutata dagli scienziati dell’Accademia nazionale delle scienze della Leopoldina. Nello specifico, si sta valutando una riapertura a scaglioni in merito alla quale i ragazzi più grandi potrebbero riprendere per primi le lezioni scolastiche. Intanto il prossimo mercoledì la cancelliera Angela Merkel presiederà un vertice in teleconferenza al quale parteciperanno i governatori dei Lander per decidere i prossimi passi nella gestione della crisi causata dal Coronavirus. Infine, in merito alla decisione del governo della Germania di prevedere dei buoni per viaggi che non possono essere intrapresi a causa della pandemia da Coronavirus, ha replicato Ursula von der Leyen, presidente della Commissione europea, in un’intervista al quotidiano tedesco Bild, spiegando: “Consiglio di aspettare a prenotare le vacanze estive. Per luglio e agosto attualmente nessuno può fare previsioni affidabili”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA