Coronavirus Germania: 433 morti, 57mila casi/ Letalità da covid-19 ancora contenuta

- Davide Giancristofaro Alberti

Coronavirus Germania: 433 morti, 57mila casi. Si registrano ancora poche vittime nella nazione tedesca, dove il covid-19, fortunatamente, non si è propagato in maniera capillare

germania_terrorismo_mercatino_natale_berlino_lapresse_2016
Sgominata rete del killer di Berlino - LaPresse
Pubblicità

In Germania il numero di persone affetta da coronavirus è salito a quota 57.695, mentre le vittime continuano ad essere contenute “solo” 433. Un numero basso che permette ai tedeschi di rimanere dietro a nazioni più piccole come ad esempio l’Olanda, un risultato che come vi avevamo già spiegato, è dovuto molto probabilmente all’alto numero di tamponi effettuato da inizio epidemia, per una media di 500mila test ogni giorno. Intanto si continua a dibattere sui famosi eurobond, o coronabond, una serie di aiuti ai vari paesi degli stati membri, che verrebbero poi ripagati in parte equa da tutte le stesse nazioni dell’Unione Europea. La Germania, avendo un’economica molto solida, non intende accollarsi altro debito, e si è messo di traverso a questa proposta, come confermato anche nelle scorse ore dalla presidente della Commissione Ue, Ursula von der Leyen.

Pubblicità

CORONAVIRUS GERMANIA: 8 CLUB DI BUNDES SI TAGLIANO GLI STIPENDI

Parlando ai microfoni dell’agenzia Dpa ha liquidato la vicenda definendola uno “slogan”: “Dietro – ha aggiunto – c’è la grande questione delle garanzie. E su questo le riserve della Germania come di altri paesi sono giustificate”. In attesa di novità da questo fronte, anche il calcio tedesco si è mobilitato per trovare una soluzione alla crisi economica, e sono già otto i club della Bundesliga, il massimo torneo nazionale, che hanno deciso di ridursi lo stipendio, leggasi Borussia Monchengladbach, Borussia Dortmund, Bayern Monaco, Schalke, Friburgo, Colonia, Union Berlin e Mainz. In coda si sono aggiunti quattro club della seconda visione, mentre l’Hoffenheim ha fatto sapere che non è intenzionato al taglio. Nelle ultime ore, infine, è emersa la notizia del decesso del ministro delle finanze del centro finanziario regionale di Francoforte, Thomas Schaefer, trovato senza vita su un vagone di un treno dell’alta velocità della linea Hoffenheim-Francoforte: al momento si esclude che il suo decesso sia collegato al coronavirus in quanto la prima ipotesi sembrerebbe essere quella del suicidio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità