CORONAVIRUS GERMANIA: 8618 MORTI/ “Vaccino? Non vogliamo dipendere da altri Paesi”

- Dario D'Angelo

Coronavirus Germania: i morti dall’inizio dell’epidemia sono 8618. Il Paese insegue l’indipendenza sul fronte del vaccino.

Merkel Germania
Angela Merkel, Cancelliera della Germania (LaPresse)

Sono 213 i nuovi casi di coronavirus registrati in Germania nelle ultime 24 ore secondo le autorità sanitarie del Robert Koch Institute. Il numero dei contagiati dall’inizio della crisi sale dunque a 182.028 persone con 8.618 morti. Sebbene proprio la situazione sanitaria della Germania abbia fatto sì che i tedeschi fossero i primi a ripartire in Europa, l’umore dei consumatori non è dei migliori e questo si ripercuote sull’economia. Come riportato da Der Spiegel, un’indagine dell’associazione di vendita al dettaglio HDE su 2.000 persone ha fatto emergere che “proprio come le restrizioni alla vita pubblica sono state allentate a piccoli passi di settimana in settimana, anche l’umore dei consumatori si è illuminato di un po’ a giugno”. Un ulteriore sviluppo positivo per i prossimi mesi non è ancora prevedibile e le prospettive per le prossime settimane sono caratterizzate da grandi incertezze: “Le oscillazioni negative potrebbero rapidamente portare ad un umore dei consumatori più pessimista”.

CORONAVIRUS GERMANIA, IL GOVERNO PUNTA AD INDIPENDENZA SUL FRONTE DEL VACCINO

Ovviamente il sentimento di incertezza deriva per la maggior parte dal dover convivere con un virus per il quale non vi è ancora un vaccino. In tal senso è da segnalare l’iniziativa del ministro federale della ricerca Anja Karliczek (CDU) tesa a rafforzare lo sviluppo di farmaci e vaccini in Germania. L’obiettivo è quello di espandere significativamente la ricerca di nuovi medicinali e vaccini e di diventare indipendente dai paesi terzi, ha detto Karliczek ai giornali del gruppo media Funke. A tal fine, deve essere fondata un’agenzia per le innovazioni farmaceutiche. Secondo la volontà di Karliczek, la prima pietra dovrebbe essere posata martedì nella riunione di maggioranza. Il compito dell’agenzia potrebbe essere quello di promuovere il trasferimento di conoscenze tra istituti di ricerca universitari e non universitari e di avviare lo sviluppo di vaccini in una fase precoce in caso di epidemie di malattie sconosciute. Un esempio di sovranismo sanitario…

© RIPRODUZIONE RISERVATA