Coronavirus Olimpia Milano/ I giocatori si tagliano lo stipendio e donano 1 milione

- Michela Colombo

Coronavirus, Olimpia Milano: giocatori e allenatore dell’Ea7 si tagliano gli stipendi e donano un milione di euro agli Ospedali lombardi, impegnati in prima linea nell’emergenza.

Sergio Rodriguez Olimpia Milano tiro lapresse 2020
Coronavirus, basket: l'Olimpia Milano dona un milione di euro (Foto LaPresse)
Pubblicità

Continua la gara di solidarietà in favore delle strutture sanitarie lombarde, in prima linea in questi giorni terribili per l’emergenza coronavirus: e proprio in favore degli ospedali è andata anche l’ultima lodevolissima iniziativa dell’Olimpia Milano, squadra di basket della serie A1. La EA7 di proprietà del gruppo Armani (che già si era mosso in precedenza donando un milione e 250 mila euro a ospedali e protezione civile) ha infatti annunciato che allenatore e giocatori “hanno deciso di rinunciare a una parte del proprio stipendio per sostenere le strutture ospedaliere lombarde, impegnate a contrastare l’emergenza da Covid-19”. Di fila poi lei legge nel comunicato “L’importo totale della donazione è pari a un milione di euro” e che tale donazione si aggiunge a quelle già effettuate dal gruppo Armani per alcuni ospedali e protezione civile, oltre alla “conversione degli stabilimenti per la produzione di camici monouso recentemente annunciate”.

Pubblicità

CORONAVIRUS, ANCHE SASSARI TAGLIA GLI STIPENDI

Una scelta dunque più che lodevole da parte del club meneghino, che fortunatamente non è stata isolata anche nel mondo del basket della Serie A1. Nei giorni scorsi anche la Dinamo Sassari, assieme a Fondazione e suo principali sprono si è messo per promuovere una campagna di raccolta fondi in favore degli ospedali dell’isola per fronteggiare al meglio questa drammatica emergenza. Non solo, perchè ieri anche la squadra sarda, su esempio dell’Olimpia Milano, ha trovato un accordo con staff e giocatori per una riduzione degli ingaggi: una mossa necessaria visto il momento delicato anche per il mondo del basket, con il campionato fermo. Anzi presto molti altri club del primo campionato nazionale ma non solo potrebbero seguire le stesse orme: come già sta accadendo per il calcio, la riduzione degli ingaggi pare la prima misura da attuare per limitare le gravi conseguenze economiche che questa emergenza coronavirus porterà.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità