CORONAVIRUS, PLASMA DEI GUARITI PER CURARE MALATI/ “Sangue per sviluppare anticorpi”

- Dario D'Angelo

Coronavirus, dal “plasma di convalescenza” una terapia? Trasfusione di sangue guariti a pazienti in condizioni critiche sembra funzionare.

sangue 2019 web 640x300
Sangue, immagini di repertorio

Il “plasma di convalescenza” come terapia per il coronavirus? Arriva dalla trasfusione di sangue dei guariti dal Covid-19 la speranza di curare i pazienti ricoverati in condizioni critiche. Tre indiani americani sottoposti a questo tipo di trattamento mostrano infatti segni di guarigione dopo essere stati trasfusi con il plasma dei pazienti guariti. Lo ha riferito l’ospedale Baylor St. Luke di Houston, Texas, dove i pazienti erano stati ricoverati in condizioni difficili. Quella applicata sui tre indiani d’America è una vecchia tecnica basata su un nuovo trattamento secondo cui il plasma sanguigno di un paziente guarito dal coronavirus viene infuso in un paziente con COVID19 gravemente colpito. In questo modo gli anticorpi specifici sviluppati nel paziente guarito dovrebbero aiutare a combattere l’infezione. Ashok Balasubramanyam, vice presidente dell’integrazione accademica e decano associato degli affari accademici del Baylor college di medicina, ha detto che cinque pazienti dell’ospedale di Baylor St. Luke sono stati trattati con plasma convalescente. La struttura è stata anche autorizzata a condurre una sperimentazione clinica in un paio di settimane.

CORONAVIRUS, TERAPIA DA TRASFUSIONE DI PLASMA GUARITI?

Secondo fonti mediche, i tre pazienti tratti con il “plasma di convalescenza” stanno mostrando segni positivi di recupero e hanno bisogno di più donatori di plasma per un nuovo ciclo di trasfusioni di plasma. La FDA non ha ancora approvato il trattamento, ma sta permettendo alcuni test clinici. Poiché questi studi clinici sono limitati, i medici possono richiedere alla FDA l’approvazione dell’uso del trattamento per i pazienti affetti da COVID19 gravi. Il plasma utilizzato per la terapia è arrivato dalla banca del sangue di Austin, We Are Blood, che è collegato con più di 20 donatori di plasma guariti dal coronavirus: il numero di donatori di plasma dovrebbe crescere man mano che si diffonderà la notizia del programma, ha detto Nick Canedo, portavoce di We Are Blood. Canedo ha detto che, per la donazione di plasma di convalescenza, il donatore di plasma deve avere sviluppato gli anticorpi e privo di sintomi da almeno 28 giorni. La donazione di plasma è possibile solo se i riceventi di plasma devono essere dello stesso gruppo sanguigno del donatore. Il metodo della trasfusione di plasma di convalescenza viene utilizzato anche in Cina ed è elencato come metodo terapeutico nella quinta edizione del piano di diagnosi e trattamento per il Covid-19 emesso dalla National Health Commission.

© RIPRODUZIONE RISERVATA