Coronavirus Ue e mondo/ Ultime notizie: record morti Usa, allarme in Cina

- Carmine Massimo Balsamo

Ultime notizie coronavirus, la situazione nell’Ue e nel mondo: quasi 20 mila nuovi casi positivi in Germania, in arrivo nuove misure in Francia

coronavirus
LaPresse

Spaventa l’aumento di contagi da coronavirus registrato in tutto il mondo nelle ultime settimane. In base ai dati resi noti dall’Oms, nelle ultime 24 ore sono stati annotati oltre 566 mila nuovi casi positivi: gli Stati Uniti il Paese più colpito con oltre 220 mila nuovi infettati. Subito dopo troviamo Regno Unito e Brasile, rispettivamente con 46 mila e 29 mila contagiati. L’Italia occupa il nono posto della classifica con 12 mila infettati.

Nell’Ue preoccupa particolarmente la situazione della Germania. Come vi abbiamo raccontato, la cancelliera Angela Merkel ha preannunciato altre 8-10 settimane dure ed i dati resi noti dal Robert Koch Institute confermano il trend negativo: sfiorati i 20 mila nuovi casi positivi. Parecchio elevato anche il conto dei nuovi decessi, +1.060. Al primo posto per nuovi casi, gli Usa hanno rilevato anche il record di morti giornalieri: oltre 4.500 vittime di Covid-19, secondo la John Hopkins University.

CORONAVIRUS UE E MONDO: LE ULTIME NOTIZIE

L’emergenza coronavirus torna a preoccupare la Cina, primo Paese a dover fare i conti con la pandemia. Come riportato dai colleghi di Sky Tg 24, in aumento i contagiati: dai 55 di lunedì a 115, di cui 107 trasmessi a livello domestico e 8 importati. Particolare attenzione alla provincia di Hebei, dove tre città sono in regime di lockdown. Previste nuove misure restrittive in Francia: in questi minuti è in corso all’Eliseo un meeting per valutare l’ipotesi di anticipare il coprifuoco dalle 20 alle 18. Ricordiamo che questo orario è già attivo in 25 dipartimenti. Novità degne di nota anche quelle che arrivano dal Regno Unito, dove la Scozia è pronta a inasprire le regole del lockdown anti-Covid: come reso noto dalla premier Nicola Sturgeon, «la situazione resta molto precaria ed estremamente seria».

© RIPRODUZIONE RISERVATA