Costantino il Grande/ Su Rete 4 il film con Cornel Wilde (oggi, 25 luglio 2021)

- Matteo Fantozzi

Costantino il Grande in onda su Rete 4 oggi, 25 luglio, dalle ore 14,25. Nel cast Cornel Wilde, Belinda Lee. Tutto quello che c’è da sapere sul film.

costantino grande 2019 fil 640x300
Costantino il Grande

Costantino il Grande è una co-produzione italiana e jugoslava, sinergia tra le case Beaver-Champion Attractions, Jadran Film e Jonia Film o andrà in onda su Rete 4 oggi, 25 luglio 2021, a partire dalle ore 14,25. Nel cast troviamo, nel ruolo del protagonista, Cornel Wilde, attore ungherese, naturalizzato negli States, che tanti ricordano per pellicole indimenticabili come ‘Il più grande spettacolo del mondo (The Greatest Show on Earth)’, ‘La polizia bussa alla porta (The Big Combo)’, ‘La preda nuda (The Naked Prey)’, un attore introverso, adatto a ruoli ieratici o thriller, nello specifico “noir”. Al suo fianco, nel ruolo di Fausta, imperatrice di Roma, la britannica Belinda Lee, da ricordare per ‘Messalina Venere imperatrice’, ‘Giuseppe venduto dai fratelli’, quindi adatta nei ruoli storici, impegnata nel grande cinema italiano con la sua ultima pellicola, ‘Fantasmi a Roma’, diretta da Antonio Pietrangeli, film nel quale recitò al fianco di Marcello Mastroianni e Vittorio Gassman. Nel cast anche il grande Massimo Serato (Massenzio) e Nando Gazzolo (Licinio).

Costantino il Grande, la trama del film

Soffermiamoci sulla trama di Costantino il Grande. Diocleziano e Massimiano abdicano nella Roma imperiale e i due Cesari designati, Galerio e Costanzo Cloro, divengono Augusti, trascinando in seguito la Città Eterna in una serie di guerre e conflitti anche sociali non desiderati da buona parte della nobiltà capitolina. Di conseguenza iniziò un periodo tribolato per Roma, le Legioni, il Senato, il popolo, ma Costantino, figlio proprio di Costanzo Cloro, torna nella capitale dell’Impero dopo i conflitti in Gallia. Troverà però un clima torbido, soprattutto generato da Massenzio che lo teme come rivale in quanto Costantino, abile condottiero, è amato dalle legioni e da buona parte del Senato. Comunque al ritorno Costantino sposa l’amata Fausta dopo essere scampato, aiutato da un gruppo di cristiani, ad un attentato voluto da Massenzio. Anche Massimiano lo vuole uccidere: l’ascesa al potere di Costantino, ora Augusto delle Gallie, mette in soggezione l’Augusto che teme un’ascesa irreversibile verso il massimo potere dell’Impero. La città è ora divisa e Costantino arma le sue legioni e marcia sulla capitale sconfiggendo le armate del nemico giurato Massenzio nella celebre battaglia di Ponte Milvio. Ma è la notte precedente il trionfo che segnerà il futuro Imperatore massimo: durante il sonno la croce cristiana diviene una visione e una profezia e portare il simbolo in battaglia gli avrebbe garantito la vittoria. Da quel momento inizia la conversione dell’Imperatore che segnerà una nuova fase per i seguaci di Cristo sino a quel momento relegati nelle catacombe.



© RIPRODUZIONE RISERVATA