“Covid meno grave? Virus non si è fermato”/ Mantovani “Ora niente disastri ma poi…”

- Silvana Palazzo

“Covid sembra meno grave? Ma il coronavirus non si è fermato”, afferma il professor Alberto Mantovani. “Se circola, ora niente disastri ma si prepara seconda ondata”

Alberto Mantovani Mattarella lapresse 2020 640x300
L'immunologo Alberto Mantovani con Sergio Mattarella (Foto LaPresse)

La “forza” del coronavirus non si è attenuata. «Non è successo. L’analisi genetica, quella che conta, non lo dimostra». A spiegarlo è Alberto Mantovani, professore emerito di Immunologia e direttore scientifico dell’Humanitas di Milano, nell’intervista rilasciata oggi a La Stampa. E allora perché ci sembra che sia più “debole”? «Si confonde l’aggressività del virus con la malattia, che pare meno grave perché stiamo all’aperto, gli anziani sono più attenti e i giovani si ammalano meno». Ma il professor Mantovani ricorda che il “paziente 1” era un maratoneta 37enne e avverte che i bambini possono essere colpiti da una nuova malattia, «la Mis-C, che compare dopo il Covid-19». Ecco, il messaggio sbagliato del coronavirus attenuato sicuramente contribuisce a far abbassare la guardia. Servono, quindi, comportamenti responsabili. «Se il virus circola ora non succedono disastri, ma si prepara una seconda ondata».

MANTOVANI E LA ZONA ROSSA “PROBLEMA PIÙ GRAVE…”

La sfida attuale è spegnere subito i focolai di coronavirus, ma è importante anche prevenirli. È pur vero che la politica, in senso generale, non aiuta. «È utile armonizzare le regioni: i cittadini meritano poche regole chiare», afferma il professor Alberto Mantovani a La Stampa. Di sicuro, l’Italia sembra star meglio rispetto ad altri Paesi. La spiegazione è semplice per l’esperto: «Ha gestito meglio l’emergenza». Mantovani ha fatto il punto anche sul vaccino: «Due vaccini cinesi procedono, quello americano di Moderna pure, ma lo studio più grande e autocritico è quello di Oxford. Spero anche nella sperimentazione dello Spallanzani di Roma». Lui invece si sta occupando di ricerca, dalla genetica all’allenamento dell’immunità innata. «Ci sono dubbi sulla durata degli anticorpi e della memoria immunologica attivati dai possibili vaccini». Non manca un attacco alla politica. «Il problema più grave è stato il ritardo sulla zona rossa bergamasca, ma quello non è dipeso dagli scienziati».

© RIPRODUZIONE RISERVATA