Covid, variante Bordeaux in Francia/ 50 studenti infetti: scienziati in allerta

- Davide Giancristofaro Alberti

E’ scoperta una nuova variante covid in Francia, leggasi quella Bordeaux: al momento ha colpito 50 studenti e genitori, e sembra essere coperta dai vaccini

coronavirus covid italia 13 lapresse1280 640x300
Terapia intensiva (LaPresse)

C’è una nuova variante covid da attenzionare, e precisamente quella individuata a Bordeaux, in Francia. Nel sud ovest della nazione oltralpe, è stato scoperto recentemente, come riferito dai colleghi dell’Adnkronos, un cluster di 50 persone che merita senza dubbio di essere monitorato. Stando alle autorità sanitarie regionali, si tratta di una variante “molto rara”, precisamente una mutazione della B.1.1.7, che per la prima volta era stata rilevata nel Kent, in Inghilterra, e che viene conosciuta come variante inglese, quella predominante nel nostro Paese, così come spiegato dal professor Patrick Dehail, consulente medico e scientifico dell’autorità sanitaria di Bordeaux.

La variante francese preoccupa in particolare in quanto, ad essere risultati positivi, sono in particolare degli studenti, quelli precisamente della scuola del distretto di Bacalan, con l’aggiunta dei loro genitori. C’è da dire comunque che al momento la variante non sembrerebbe colpire in maniera grave, in quanto nessuno dei 50 infetti è al momento ricoverato in ospedale: “Hanno mostrato “i soliti sintomi – ha specificato ancora Dehail – o nessun sintomo”.

COVID, VARIANTE BORDEAUX IN FRANCIA: “COPERTA DAI VACCINI”

Altra notizia positiva, il fatto che i vaccini attualmente approvati in Francia, che poi sono gli stessi già autorizzati dall’Aifa, leggasi Pfizer/BioNTech, Moderna, AstraZeneca e Janssen, proteggono da questa variante, di conseguenza, al momento la questione non sembra destare fin troppa preoccupazione. Le autorità transalpine hanno reagito prontamente alla nuova “minaccia”, avviando in tempo pressochè zero una campagna di screening massiccia nel quartiere Bacalan, aprendo anche un nuovo centro vaccinale d’emergenza, di modo da spegnere sul nascere il possibile focolaio. Dei 50 risultati infetti, nessuno era stato vaccinato, di conseguenza si è proceduti ad una somministrazione del siero. Al momento, nella vicina nazione francese, l’80% di tutti i nuovi casi di covid appartiene alla variante inglese, sulla falsa riga di quanto accade nel nostro paese, e la situazione è sotto controllo con i numeri in continuo miglioramento.



© RIPRODUZIONE RISERVATA