Crema per ematomi nel pene: due 30enni in ospedale/ Gonfiore e danni forse per sempre

- Davide Giancristofaro Alberti

E’ costata caro a due trentenni francesi la decisione di iniettarsi della crema per ematomi nel pene: volevano aumentarne le dimensioni ma invece…

napoli
Immagine di repertorio (Foto: Pixabay)

Due amici francesi hanno deciso di iniettarsi della crema per gli ematomi nel pene. Completamente ubriachi, i due trentenni avevano ben pensato di ingrandire le dimensioni del loro organo sessuale, ma il risultato è stato letteralmente disastroso. A riportare la notizia sono i colleghi britannici del Daily Mail, citati da Dagospia, che spiegano come l’idea ai due francesi sia venuta dopo aver visto un tutorial su Youtube che mostrava appunto come migliorare le dimensioni del proprio pene.

Dopo essersi iniettati la crema “miracolosa”, i due sono stati costretti a recarsi da un medico, spiegando che il pene ha iniziato a gonfiarsi e ovviamente a fare male, e alcune riviste scientifiche hanno pubblicato le immagini dell’organo che evidenziavano l’entità del danno. I due sono stati quindi presi in cura dai camici bianchi che hanno somministrato a loro degli antidolorifici con l’aggiunta di riposo ma non si sa se il danno rimarrà permanente o meno, in quanto la crema ha avuto il disastroso effetto di bloccare i vasi linfatici del pene.

CREMA PER EMATOMI NEL PENE: “UNA VECCHIA PRATICA MA…”

«L’autoiniezione nel pene è una vecchia pratica – racconta i medici durante un’intervista concessa alla rivista Annales de Dermatologie et de Vénéréologie” – c’è chi la prova per avere un pene più grande e aumentare la propria autostima, o per ottenere prestazioni sessuali migliori, o ancora può far parte di alcune pratiche di sesso chimico. Oggi sta diventando più accessibile grazie ai tutorial online». Ovviamente si tratta di pratiche da evitare assolutamente in quanto, come sottolineato dagli stessi medici, iniettarsi delle sostanze nel pene può portare a cancrena, disfunzione erettile e ulcere, ovvero, l’opposto dell’obiettivo. «Non poteva funzionare – ha proseguito il dottor Rich Viney . e c’è una concreta possibilità che i due riportino danni irreversibili, con disfunzioni nelle erezioni. Nessuna persona sana di mente farebbe una cosa del genere. In generale, aumentare le dimensioni degli organi genitali, sia per gli uomini che per le donne, comporta un rischio di cicatrici e infezioni, scarsi risultati e una possibile perdita di funzionalità».



© RIPRODUZIONE RISERVATA